Imparare ad Investire in Borsa

https://www.tradingfurbo.net/trading-on-line/investire-in-borsa-2/

Il metodo dell’Analisi Tecnica Intuitiva è coerente con la “mission” del sito di Tradingfurbo.net che è quella di semplificare le cose mantenendone la loro efficacia.

Coerentemente a questo ho ideato un sistema che permette:

Di Decidere il tipo di strategia analizzando in pochi secondi e in un “colpo d’occhio” il trend macroeconomico;

in un solo colpo d’occhio di individuare la società adatta per il tipo di strategia che si decide di attuare;

di decidere il corretto tempo di entrata per ogni business, basandosi quasi esclusivamente su considerazioni sull’andamento delle medie mobili;

settare gli stop loss per far correre i profitti e fermare le perdite e rendere così il tuo modo di fare Trading un processo automatico di creazione di rendite di denaro;

Analizziamo i punti precedenti per cercare di capire come tutto ciò può avvenire e le implicazioni più interessanti che ciascun punto comporta;

Decidere il tipo di strategia analizzando in pochi secondi e in un “colpo d’occhio” il trend macroeconomico

Analizzare il Trend Macroeconomico è importantissimo.

E’ importante, perché non possiamo andare contro-corrente, ma dobbiamo invece sfruttare la corrente e adattarci ad essa.

Quindi bisogna prima di tutto avere un metodo semplice ed efficace che permetta di vedere “che aria tira” nel mercato a cui ci stiamo interessando.

Infatti qualsiasi mercato attraversa dei cicli economici che possiamo considerare come delle direzioni di flusso delle correnti d’aria.

Per sfruttare le correnti d’aria il surfista deve sapere che direzione hanno, in modo da poter orientare le vele in maniera adatta da sfruttarle e andare al massimo.

Anche noi dobbiamo fare lo stesso individuando la direzione del trend e poi scegliendo una strategia che si adatti al trend in maniera brillante e permetta di ottenere dal trend il massimo beneficio.

Questo è importante anzi importantissimo.

I trader alle prime armi infatti, incominciano con delle elementari strategie rialziste, cioè comprano il titolo e lo tengono fin chè il prezzo di questo non cresce, a volte senza basarsi su nessun criterio di riferimento e nessuna analisi.

A volte va bene, specie quando il mercato ha un trend rialzista e quindi offre una “corrente” che può essere sfruttata in questo modo.

Questo fino a quando il mercato cambia trend: il trend passa da rialzista a ribassista e il trader novello non se ne accorge nemmeno e qui cominciano le prime “scottature”.

Il metodo dell’Analisi Macroeconomica Intuitiva di cui parlo nei miei corsi, permette di analizzare il trend e di comprenderlo pienamente e può essere applicato in maniera molto semplice anche dai meno esperti, perché si basa su considerazioni semplicissime ed efficacissime.

Individuare in un solo “colpo d’occhio” la società adatta per il tipo di strategia che si decide di attuare.

La società che si sceglie deve avere le caratteristiche adatte alla strategia che si sta implementando.

Esempio: se i vuole implementare una strategia rialzista cercheremo società che presentano certe caratteristiche.

Queste caratteristiche sono completamente diverse se invece vogliamo implementare una strategia ribassista.

Il processo di selezione che porta al portafoglio ideale non è un processo così semplice, anzi è laborioso ed è tanto più impegnativo, quanto più è ampio il mercato che stiamo considerando.

Ci serve un metodo rapido che ci permetta di “giudicare” se la società che abbiamo sotto gli occhi fa al caso nostro: il metodo proposto da Tradingfurbo.net e che spiego nei miei corsi, permette di capire in pochi click e con una rapida occhiata se la società si adatta alla strategia specifica.

Nei corsi proposti da Tradingfurbo.net vengono prese in esame in particolare le strategie rialziste ed è mostrato praticamente come questo metodo funziona.

Esso prende in considerazione la silouette del grafico della società in vari periodi di tempo e sulla base di considerazioni elementari quanto efficaci, si riesce a capire se la società analizzata fa al caso nostro e quindi si decide o meno di inserirla nel “portafoglio ideale” su cui poi si andrà a lavorare.

Decidere il corretto tempo di entrata per ogni business basandosi quasi esclusivamente su considerazioni sull’andamento delle medie mobili.

Le medie mobili sono degli indicatori semplici e comprensibili da tutti, anche dai meno esperti, tuttavia sono molto efficaci nello stabilire il corretto tempo di entrata nel business se correttamente interpretate.

A questo proposito è indispensabile conoscere certi segnali operativi, che corrispondono a certi andamenti di medie mobili riferite a periodi di tempo diversi.

Queste considerazioni unite a semplici considerazioni basate sull’osservazione dei volumi e sull’analisi dei livelli di supporto e resistenza del titolo, permettono di fare delle previsioni affidabili.

Azzeccare il giusto tempo di entrata nel business è una di quelle abilità che fanno la differenza, in quanto permettono di sfruttare al meglio il trend del titolo nel minore periodo di tempo possibile ed evitare di incappare in “frammenti di trend” non coerenti alle proprie aspettative, che comportano quindi fastidiose correzioni.

Settare gli Stop Loss per far correre i profitti e fermare le perdite e rendere così il tuo modo di fare Trading On Line un processo automatico di creazione di rendite di denaro.

In realtà il significato del termine “Rendita di denaro” implica una generazione passiva di una entrata aggiuntiva nel nostro portafoglio.

Cioè una entrata che si genera in assenza totale o quasi del nostro intervento diretto.

A questo punta il metodo principale di Trading proposto da Tradingfurbo.net, esso è reso automatico dall’utilizzo degli Stop Loss.

Gli Stop Loss sono ordini condizionati di vendita o di acquisto a seconda della strategia che si intende sfruttare.

Per ordine condizionato, si intende un ordine che viene eseguito automaticamente dalla piattaforma di Trading e anche in nostra assenza, solo in determinate condizioni, più specificamente al raggiungimento di un certo livello di prezzo.

Questo permette da un lato, di controllare e limitare le perdite: perché se il prezzo scende fino a toccare il livello dello Stop Loss, finisce l’avventura, con l’uscita automatica dal trade da parte della piattaforma di Trading, anche in nostra assenza.

Spostando periodicamente ad arte” lo Stop Loss man mano che il trend previsto viene confermato, si arriverà ad un zona che possiamo chiamare di “impossibile sconfitta”, per cui in ogni caso si esce dal business con un guadagno in tasca.

Questo sistema è coerente con la regola aurea del Trading On Line che prevede di lasciar correre i profitti e fermare le perdite.

Invece quello che i trader inesperti tendono a fare è il contrario e cioè fermare i profitti e lasciar correre le perdite.

Questa tendenza erronea attrae come una calamita anche i trader più esperti, che pur conoscendo la regola aurea, per motivi di natura psicologica, non riescono a seguirla.

Quest’ultimo fatto conferma l’importanza del corretto atteggiamento psicologico nel Trading On Line ed è per questo che i post di questo blog lo prenderanno più volte in considerazione.

Se hai qualche domanda scrivila pure qui sotto nei commenti!

Al prossimo post!


7 opinioni riguardo a “Imparare ad Investire in Borsa

  1. Anche se non hai degnato di alcuna considerazione le richieste che ti avevo fatto tempo fa, continuo a seguire il tuo blog con interesse.
    Domande :
    Ti capita di usare anche solamente il book per aprire una posizione, passando solo dopo all’ analisi dei grafici ?
    Sei mai rimasto incastrato ( scusa il termine inappropriato ) in una posizione non riuscendo quindi a liberarti del titolo vendendolo o acquistandolo ?
    Operi anche sul mercato Asiatico ? ( Te lo chiedo perchè con Fineco non è possibile ).

    Ciao

  2. Ciao Stefano,
    mi dispiace che mi siano sfuggiti i tuoi inteventi, credimi ma non l’ho fatto apposta!

    Mi fa piacere che ci segui e ti faccio i complimenti per la tua partecipazione attiva a questi argomenti.

    Rispondo in ordine alle tue domande:

    1 Mi è capitato in passato ma era un periodo in cui avevo delle manie di grandezza e per esperienza sconsiglio di farlo perchè il più delle volte (quasi sempre) fare trading senza una strategia non porta a grossi risultati.

    2 Si mi è capitata questa situazione e anche adesso mi sta capitando con cski ma di solito mi baso sul valore della società che cerco di esaminare con i dati fondamentali e sono consapevole che molte società subiscono delle oscillazioni speculative anche molto grosse, di solito davanti a queste oscillazioni cerco di informarmi se sia successo qualcosa di grosso e poi valuto.
    Comunque con il metodo di entrata graduale nel business di cui parlo qui:
    http://www.tradingfurbo.net/trading/azioni/puntare-indice.html
    le perdite possono essere contenute e quando il titolo recupera il suo normale andamento si può valutare di rinforzare la posizione con un nuovo acquisto.

    No non opero sul mercato asiatico perchè non lo conosco abbastanza ma acquisto molte azioni asiatiche nel mercato usa che trovo più regolamentato e più sicuro (o almeno lo conosco meglio).

    Spero di aver recuperato.

    A presto.

    Michele

  3. Grazie…
    guarda che ti tengo d’ occhio, sono alla ricerca in un mondo che non conosco veramente ed il fatto che abbia aperto un conto con Fineco bank non vuol dire che opero veramente.
    Sono ancora nel periodo promozionale.
    In virtuale ho fatto qualche timido passo da poco più di un anno con il portale della mia banca, ma ora che ho il conto Fineco e dovrei fare sul serio ho scoperto di avere paura.
    Sorpresa delle sorprese, ho proprio paura !
    Studio quando posso per motivi di tempo il metodo Torreggiani, con il quale ho avuto dei contatti a novembre scorso ed ho la casella di posta assediata dalle tue mails, da quelle di Bardolla, di Joe Ross e da quando tu mi hai parlato di Carlà, anche dalle sue.
    Sto leggendo attualmente un libro sullo scalping di un certo Baldi, è infatti da lì che ti fatto la domanda sul book per operare prima di guardare i grafici.
    Ora mi stoppo.

    Ciao

  4. La paura è uno scoglio inevitabile per tutti i trader … certi lo superano e certi no lavorando per tutta la vita con un conto di paper trading senza combinare niente … fa parte del percorso: in bocca al lupo

  5. Ciao Michele, vorrei sapere quale broker consigli di utilizzare per aprire un conto online e tradare in azioni/ETF.
    Mi sembra che non sia più possibile aprire conti trading online in USA.
    Grazie in anticipo
    Alessandro

  6. Non mi risulta che non è possibile aprire conti in usa: io ho Interactive Brokers da un pò.
    Utilizzo anche Directa che ti consente di tradare anche nel mercato usa pagando una fee in più!
    In bocca al lupo!

  7. Scusa mi sono confuso io a causa di ThinkOrSwim che dopo la fusione con Ameritrade non accetta più clienti stranieri.

    Sorry
    *_*

    Alessandro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.