Trading On Line per Ignoranti: I fattori che determinano il successo di una azienda

https://www.tradingfurbo.net/trading-on-line/analisi-business/

Ciao e benvenuto in questo post della serie “Trading On Line per Ignoranti” …

… con il post di oggi ti voglio far riflettere su diversi aspetti di un investimento e in particolare della differenza tra un buon business e un buon investimento, dei criteri per riconoscere un buon business e per stabilire se questo ha le carte in regola per essere considerato anche un buon investimento.

Innanzitutto partiamo da una riflessione: perchè secondo te un buon business non è necessariamente un buon investimento?

Per essere un buon investimento, un buon business deve essere acquistato ad un prezzo molto vantaggioso.

Infatti gli affari si fanno quando si compra non quando si vende.

Se un buon business viene acquistato ad un prezzo di mercato eccessivo dovrà passare molto tempo perchè il prezzo di mercato si allinei al valore intrinseco del business e questo può succedere in tre casi:

– il valore intrinseco del business cresce ulteriormente e il prezzo di mercato rimane invariato;

– il valore intrinseco del business rimane invariato ma il prezzo di mercato scende per effetto della ciclicità del mercato;

– il valore intrinseco del business cresce e si abbassa il prezzo di mercato come naturale effetto della ciclicità dei prezzi di mercato.

Acquistare un business di valore ad un prezzo di mercato vantaggioso ci da un “margine di sicurezza” che ci protegge da eventuali “colpi a sorpresa” che il mercato può riservarci nel breve periodo.

Prima o poi il mercato dovrà riconoscere il valore vero del business e il nostro compito è quello di esaminare tutte opportunità disponibili per “isolare” quei business di valore che in questo momento sono offerti a prezzi molto vantaggiosi rispetto al loro valore di realizzo.

Quindi la differenza tra un buon investimento e un pessimo investimento la fa il prezzo a cui riesco ad aggiudicarmi quel business.

Nell’Opera “Yahoo Finance Value Investing” ho fornito delle strategie molto mirate per valutare il valore di un business e per stabilire se il prezzo attuale di mercato è o no conveniente.

Una volta scelto il business e appurato che il prezzo al quale il mercato lo offre è equo, io faccio sempre una analisi grafica di breve periodo per assicurarmi di essere nel trend ed evitare di subire delle perdite immediate legate alla fluttuazione ciclica dei prezzi di mercato (sulla scelta del timing di entrata ti ho fornito una strategia molto semplice e molto efficace nell’Opera “Trading On Line Success Kit“.

Seguendo i video qui sotto ti renderai conto che per valutare il potenziale di una società di produrre denaro e di prosperare negli anni non è necessario essere un esperto di analisi dei mercati finanziari laureato alla Bocconi …

… occorre solo un pò di buon senso e la conoscenza del significato e dell’importanza di certe variabili che ti sto per descrivere nei video qui sotto.

I fattori che determinano il successo di una azienda (video 1):

I fattori che determinano il successo di una azienda (video 2):

p.s.1: Puoi arricchire questo articolo con un tuo contributo sottoforma di commento o di domanda …

p.s.2: Se hai trovato utile o interessante questo articolo puoi cliccare sul pulsante “Mi piace!” di Facebook condividendoli con gli amici, oppure favorirne la diffusione su Google cliccando sul pulsante +1 che trovi all’inizio e alla fine dell’articolo.

p.s.3: Se vuoi ritrovare facilmente tutti gli altri articoli e video della saga “Trading On Line per Ignoranti” puoi cliccare qui e visualizzare l’articolo di presentazione con tutti i link alle varie puntate.

p.s.4: se non lo hai ancora fatto puoi scaricare adesso le risorse gratuite di Tradingfurbo.net cliccando su questo link!

p.s.5: siccome anche nel Trading On Line “l’appetito vien mangiando” puoi scegliere anche tu la tua risorsa di approfondimento ed evoluzione cliccando su questo link!


2 opinioni riguardo a “Trading On Line per Ignoranti: I fattori che determinano il successo di una azienda

  1. sono d'accordo che non necessariamente occorre una laurea, ritengo invece che sia necessario essere un esperto di analisi del mercato. tu descrivi un tuo modo di operare a fonte di una determinata situazione, le strategie da adottare possono essere sempre differenti. molte volte cio' che puo' sembrare una opportunita' in realta' non lo e', le scelte variano secondo casi particolari. il Trader o commerciante credo che piu' che un'attivita' sia un modo di essere.

  2. Ciao Paolo sono parzialmente d'accordo con te e comunque ci sono strategie che se applicate davvero ci consentono di guadagnare con certezza e matematicamente nel lungo periodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.