Un Vertical Spreads a Debito, Il Bull Call Spread: Caratteristiche, Vantaggi e Svantaggi

https://www.tradingfurbo.net/trading-on-line-in-opzioni/vertical-spreads-bull-call-spread/

In questo articolo dopo aver introdotto tecnicamente i Vertical Spreads voglio esaminare un particolare tipo di Vertical Spread a debito Il Bull Call Spread: ne esamineremo le caratteristiche di profitto e rischio commentando un esempio pratico di questa strategia (vedi immagine).

I Vertical Spreads sono costituiti da due “braccia” di opzioni con differenti strike prices ma con la stessa data di scadenza a differenza dei Calendar Spread che sono costituiti da due braccia in cui queste condividono lo stesso strike ma non la stessa scadenza (sono definiti infatti orizzontal spread).

I Vertical Spread appunto sono detti “strategie verticali” poichè sono costituiti da due braccia che condividono la stessa scadenza ma non lo stesso strike.

Poi ci sono i “Diagonal Spread” che oltre a non avere la stessa scadenza hanno anche strike prices diversi.

I Vertical Spreads possono essere classificati in due tipi: i vertical spreads a debito e quelli a credito.

I Vertical Spreads a debito sono quelli in cui ti tocca pagare un costo per aprire la posizione.

Le strategie in opzioni di questo tipo sono come “bilancio netto” di tipo long e quindi la posizione netta trae profitto da una rivalutazione del prezzo netto.

Siccome la strategia è di tipo long ci conviene dare il tempo sufficiente scegliendo la giusta scadenza in modo da non essere penalizzati troppo dal time decay e in modo da dare tempo al sottostante di entrare nella zona di profitto.

A differenza di questa strategia uno spread a credito si realizza quando apri la posizione ricevendo un credito e questo fa si che la strategia sia di tipo short, cioè praticamente ti interessa che le opzioni che vendi (come bilancio generale) perdano di valore.

Le strategie Bull Put e Bear Call spreads fanno parte di quelle strategie chiamate “Income Strategies”: sono strategie che si aprono con un credito netto.

In questo post esaminiamo nel dettaglio una delle due strategie a debito: la Bull Call Spread.

Radiografia di una Bull Call Spread

La Bull Call è una tra le strategie delle Vertical Spread che crea un debito netto in apertura.

Si realizza comprando una call near the money a lungo termine (tipicamente di sei mesi prima della scadenza) e vendendo una call a strike più alto (tipicamente OTM) con la stessa data di scadenza.

L’effetto netto della strategia è ridurre il costo e il break even dell’operazione rispetto alla strategia che si realizzerebbe comprando solamente la long call.

La call che compriamo in questa strategia è più “in the money” rispetto alla call che vendiamo è più costosa e di solito ha un delta più alto rispetto alla call OTM che vendiamo.

Pertanto non vogliamo essere esposti troppo al time decay il cui effetto diventa importante a partire dall’ultimo mese prima della scadenza.

Il prezzo del sottostante deve muoversi verso l’alto affinchè la strategia raggiunga il break even point ed è per questo che per questo tipo di strategia è necessario abbastanza tempo.

La Bull Call Spread richiede un outlook di tipo Bullish poichè si realizza un profitto soltanto quando il prezzo del sottostante cresce.

Comunque sia il ritorno possibile con questa strategia può essere “spettacolare” se ci azzecchi e tutto va come avevi previsto.

Entrambe le gambe della strategia ti danno la leva: la put che vendi ha il compito di ridurre il costo della strategia e di incrementare la leva ma ha il limite di limitare il massimo profitto.

Molti guru del Trading in Opzioni elogiano la Bull Call Spread poichè per questa strategia è facile mostrare potenziali ritorni.

La parola chiave è infatti “potenziali”: in questo trade puoi realizzare ritorni sull’investimeento anche superiori al 400 per cento ma se per realizzare questo obiettivo il nostro sottostante per farlo deve crescere del 50 per cento è meglio accontentarsi di un ritorno sull’investimento un pò più contenuto a patto che la strategia abbia una maggiore probabilità di andare in profitto.

Personalmente mi concentro sull’altezza del break even e scelgo strategie che mostrano un break even non impossibile da raggiungere se è vicino abbastanza allora mi concentro sul ritorno sull’investimento scegliendo quello migliore.

Riepilogando se il prezzo del sottostante raggiunge lo strike più alto realizzi il massimo profitto.

Come si fa a tradare una Bull Call Spread

1. Compra una call a strike più basso.

2. Vendi lo stesso numero di call a strike più alto con la stessa data di scadenza.

Assicurati che il trend del sottostante sia rialzista e identifica una chiara area di supporto.

Gestisci la tua posizione attenendoti alle regole definite nel tuo Trading Plan.

Se il prezzo del sottostante scende al di sotto del tuo stop loss vendi la Long Call e se non ti è permesso tradare con Call Nude allora chiudi l’intera posizione.

In ogni caso vedi di chiudere la posizione almeno un mese prima della data di scadenza allo scopo di aggiudicarti il profitto o per contenere le tue perdite.

La call venduta ha un ruolo molto preciso: quello di ridurre il costo di apertura della posizione, il rischio potenziale e il break even points ma purtroppo limita il profitto che possiamo generare con questa strategia.

E’ una posizione a debito poichè la call che compri è più costosa della call che vendi la quale è più out of the money.

Il tuo rischio massimo è limitato al debito netto necessario per aprire la posizione che è pari al costo della call che compri meno il prezzo realizzato con la vendita della call out of the money.

Effetto del time decay

Il time decay è utile a questa posizione quando essa è in profitto e deleterio quando essa sta generando una perdita.

Con questa strategia tu contrai un debito e il prezzo del sottostante deve muoversi fino a raggiungere almeno il break even point.

Pertanto è necessario scegliere un lasso di tempo sufficiente per far si che il trade vada in profitto.

Se la posizione rimane non profittevole il time decay lavorerà contro di te perchè più sei vicino alla data di scadenza e più alta è la probabilità di realizzare la massima perdita.

Quando invece il trade si muove nella zona di profitto allora il time decay sarà di aiuto perchè sarai più vicino a realizzare il tuo profitto massimo il che succede alla data di scadenza.

E’ preferibile implementare questa strategia in un’ottica di lugno periodo, preferibilmente con almeno 6 mesi alla scadenza.

Scegli tra sottostanti con elevata liquidità, preferibilmente con un volume oltre i 500.000 pezzi scambiati al giorno.

Assicurati che il trend per il titolo sottostante sia rialzista e identifica una chiara area di supporto.

Selezione delle opzioni

Scegli opzioni con adeguata liquidità: l’open interest dovrebbe essere di almeno 100, preferibilmente 500.

Strike più basso: deve essere leggermente OTM o meglio ATM (ricordati che in questo caso la tua prospettiva è bullish);

Strime più alto: deve essere più alto di quello della call acquistata (chiaramente) utilizza degli strumenti di calcolo della profittabilità del trade per trovare il giusto compromesso tra alta probabilità del trade e un adeguato ritorno sull’investimento.

Scadenza: preferibilmente oltre i 6 mesi, utilizza la stessa data di scadenza per entrambi le opzioni che compongono la strategia.

Profilo di Rischio

Massimo rischio: debito netto pagato all’apertura della posizione;

Massimo Profitto: si calcola sottraendo alla differenza tra i due strikes il debito netto pagato all’inizio;

Break Even: Strike più basso + il debito netto;

Le greche

Profilo di rischio

Man mano che il prezzo del sottostante sale, la Bull Call va nella zona di profitto e raggiunge il massimo profitto quando il sottostante raggiunge lo stike price più alto.

Theta

Il time decay è nocivo alla posizione quando è OTM e utile quando invece è ITM.

Delta

Il delta (lo spread) è positivo ed è al massimo della forza quando il sottostante è compreso tra i due strikes. Nota come il Delta riduce la sua forza quando la posizione è Deep in the Money (DITM) o Deep Out of the Money (DOTM);

Vega

L’ aumento di volatilità è utile alla posizione quando essa è OTM e nociva quando è ITM.

Gamma

Il gamma esprime l’accellerazione del delta e raggiunge il massimo quando il sottostante è al di sotto dello strike più basso e raggiunge il minimo quando il sottostante è al di sotto del più alto degli strike.

Rho

Un tasso di interesse più alto generalmente è utile alla posizione.

Vantaggi e svantaggi della strategia

Vantaggi:

– ridotto rischio, costo e break even più basso rispetto all’acquisto di una call secca;

– ridotto rischio;

– più lontano sei dalla data di scadenza maggiore è la protezione in caso di rapido declino del prezzo del sottostante;

Svantaggi

– per realizzare elevati ricavi devi selezionare strikes più alti e il prezzo del sottostante deve raggiungere il più alto di questi due strikes;

– c’è un limite al massimo profitto che puoi realizzare;

– più lontano sei dalla scadenza maggiore è la lentezza con la quale puoi raggiungere il massimo ritorno sull’investimento: questo è il prezzo che si paga per avere la limitazione del rischio;

Strategia di uscita

– per questa strategia puoi semplicemente chiudere la posizione riacquistando la call che avevi venduto e vendendo la call che avevi comperato il che può succedere quando si raggiunge lo stop loss o per chiudere la posizione in profitto sempre almeno un mese prima della data di scadenza.

Esempio pratico (guarda la figura): ABCD è a 26 dollari a Maggio del 2011.

Compriamo una call dicembre 2011 con strike price di 27.50 dollari per 1.40 dollari.

Vendiamo una call dicembre 2011 con strike price di 32.50 dollari per 0.25 dollari.

La figura mostra tutte le caratteristiche di profittabilità della strategia qui descritta.

p.s.: spero di aver fatto una relazione utile e spero di riscuotere il tuo apprezzamento! 🙂

p.s.2: sei libero di condividere questo articolo con i tuoi amici inviando il link dell’indirizzo dell’articolo via email o copiandolo nella tua bacheca di facebook.

p.s.3: se vuoi approfondire clicca su questo link!

 


5 opinioni riguardo a “Un Vertical Spreads a Debito, Il Bull Call Spread: Caratteristiche, Vantaggi e Svantaggi

  1. ciao Michele, mi chiamo Daniele e sono un analista finanziario, mi piace molto il tuo sito ricco di spunti per me importantissimi, sopratutto dal punto di vista psico-economico. In questi anni mi sono specializzato nel trading in opzioni tanto da farne un vero e proprio lavoro a tempo pieno e ritengo che questa strategia, la BULL CALL abbia un vantaggio che sta appunto nel grande rendimento atteso ma anche tanti svantaggi…uno su tutti il fatto che il titolo debba superare il breakeven per essere profittevole…questo significa uno spostamento notevole del prezzo…spostamento che deve avvenire in una sola direzione…capisci che le probabilità di riuscita si riducono notevolmente. Preferisco allora accoppiare due vertical e creare un Iron Condor che ha sicuramente un minor rapporto rischio rendimento ma che ha molte più probabilità di riuscita…
    Di questa strategia e di altri argomenti parlo diffusamente nel mio sito OPZIONIAMENRICANE.COM…un saluto
    Daniele

  2. ciao michele,
    mi sono avvicinato alle opzioni da qualche mese, con il il limite del tempo libero sto studiando l argomento.
    Oggi sono capitato nel tuo sito e ho letto con piacere la semplicita' cui spieghi.
    ho una domanda a proposito dell argomrnto sopra descritto , nello specifico "strategia di uscita" :
    riacquisto la call venduta e vendo quella comprata
    la domanda e' questa…
    se riacquisto la call presumo che la strategia nn sia chiusa definitivamente , quindi come mi comporto?'
    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.