Outlet Scarpe: Risparmiare senza rinunciare alla qualità

https://www.tradingfurbo.net/ricchezza-vera/villa-luciani-montegranaro-outlet-nel-cuore-della-capitale-della-scarpa/

Oggi voglio segnalare un fenomeno che ha dell’incredibile: la grande concentrazione di outlet di scarpe che c’è quà a Villa Luciani di Montegranaro un paesino a 40 km da dove abito io.

Ne avevo sentito parlare spesso, ma questa volta sono andato a verificare di persona e ne sono rimasto impressionato. :shock_tb:

La sorpresa è stata nella numerosità degli Outlet: negozi posti all’interno dell’azienda produttrice che propongono merce di prima qualità (quella cioè che trovi nei negozi) a prezzi di fabbrica. Ne ho contati una 30ina nel raggio di meno di 1 kilometro: impressionante!

Lo voglio segnalare perchè Tradingfurbo.net è un luogo di scambio di informazioni preziose: informazioni che possono contribuire a migliorare la nostra vita in ogni senso.

Quello che propongo è una gita con amici o parenti nel cuore della capitale della scarpa! :clap_tb:

Si proprio così, già è un fenomeno da anni: tantissime persone, nei giorni festivi o feriali si mettono in viaggio da tutta Italia per visitare il paese della scarpa. :bye_tb:

E’ a Villa Luciani, una frazione residenziale ed industriale di Montegranaro in cui c’è la maggior concentrazione di Aziende Calzaturiere con tantissimi spacci che propongono articoli da negozio a prezzi di fabbrica.

Qui ho raccolto delle indicazioni stradali di massima su come raggiungere il posto: eccole!

Anche se non sono specifiche degli Outlet sarà facilissimo raggiungerli poichè questo luogo ne è veramente pieno zeppo.

Andare una o due volte all’anno a Villa Luciani di Montegranaro per comprare le scarpe per tutta la famiglia e per “farci” l’intera stagione può rappresentare per il nucleo familiare un risparmo di circa 1000 euro.

Ti sembra poco? :doh_tb:

Ma parliamo di qualità: queste aziende producono per i marchi più famosi (come Bikkembergs, Tod’s, Geox e tanti altri) e quindi potrai trovare un ampia scelta di modelli e di marche, proprio le stesse che trovi nei negozi.

C’è anche una possibilità in più: quella di accedere ai “campionari”, cioè quei modelli che le aziende espongono negli outlet per fare ricerca di mercato.

In pratica l’azienda interessata a conoscere se il nuovo modello incontra i gusti dei consumatori, mette in vetrina dei prototipi ad edizione limitata: in base alla richiesta che c’è da parte del consumatore deciderà di avviare la produzione per questo modello.

Oppure puoi trovare merce con difetti minimali, che non può andare in negozio per questioni di prestigio e che puoi avere a prezzi davvero convenienti.

Spero che questo articolo un pò insolito ti sia piaciuto e ti abbia dato uno spunto per risparmiare. :happy_tb:

Anche lo stile di consumo può rappresentare una forma di risparmio e di investimento.

Nell’articolo di oggi abbiamo dimostrato che si può vestire con stile risparmiando notevolmente.

Ecco alcuni link che ti possono aiutare ad ottimizzare i tuoi consumi senza rinunciare a niente (anzi !!):

Link numero 1: “Risparmiare sui consumi

Link numero 2: “Come risparmiare su tutto!

Link numero 3: “Le 10 regole per risparmiare

Link numero 4: “200 modi per risparmiare 2000 euro all’anno

Link numero 5: “Molti kilometri con poca benzina

Link numero 6: “100 modi per risparmiare soldi e tempo con Internet

L’articolo di oggi ha sfruttato un esperienza che ho fatto e che ho voluto condividere con te ed è stato per me una scusa per ricordarti l’importanza del risparmio come base di costruzione di una ricchezza che è destinata ad ingrandirsi nel tempo.

Mi aspetto dei commenti stimolanti e una tua opinione sull’utilità dell’articolo.

p.s.: sei libero di condividere questo articolo nei Social Network più famosi utilzzando la funzione “Share the Wealth” che trovi in fondo all’articolo.

p.s.2: segala pure queste informazioni ad un tuo amico a cui devi un favore. 🙂


18 opinioni riguardo a “Outlet Scarpe: Risparmiare senza rinunciare alla qualità

  1. bellissima idea Michele.

    condividere le informazioni con gli altri contraddistingue le persone.

    la condivisione e’ alla base della crescita personale.

    mi sa che in agosto ci farò un salto, dato che Geox e’ un marchio quotato a casa nostra.

    e non solo ai piedi ….

  2. Michele, su Geox ho dei dubbi che abbia sedi produttive ancora in Italia.
    Mi pare di aver letto ad inizio anno che aveva portato quasi tutti all’estero (in particolare in Romania, anche se adesso Polegato punta al mercato indiano e verosimilmente amplierà le sedi produttive in quei posti)…

  3. Ciao Michele, sai cosa succede alle persone che vanno li?

    Invece di risparmiare 1000 euro come dici tu, spendono il doppio di quanto avrebbero speso in un negozio sotto casa.

    Perchè?

    Ho studiato questo fenomeno anche andando a fare compere con amici e parenti, e non immagini quante volte gli ho sentito dire:
    “Tanto costa poco.” – “Tanto è in offerta” …

    In conclusione, sicuramente compri molte più scarpe, ma hai spesso 1000 euro invece che 500, ti ritrovi con 10 paia di scarpe ( tanto costano poco ) di cui ne userai solo 3 paia ( forse ).

    E le altre 7 paia?
    Finiranno nell’accumulo di roba che già c’è in casa.

    E se vogliamo metterci un pò di disciplina orientale che considerà la casa un luogo sacro e energetico, questo è un grandissimo danno alla propria energia vitale, oltre che al portafoglio ;)

    Ok con questo cosa voglio dire, andate lo stesso ma non portatevi la carta di credito e fissatevi l’obbiettivo di massimo 3 paia di scarpe.

    Ciao Michele e ciao a tutti i lettori. :p

  4. Hai ragione Cosimo … purtroppo è pieno di questa gente! Presto scriverò un articolo sulla spesa compulsiva: sarebbe interessante che anche voi partecipaste con i vostri commenti e la vostra esperienza. Intanto grazie della tua testimonianza e buona domenica.
    Mik

  5. Antonio non ti so dire … adesso le produzioni sono spostate per il 70 per cento o più all’estero … il made in Italy è solo virtuale … con la globalizzazione molte cose sono cambiate … ma le stesse scarpe le troveresti in negozio a prezzi molto superiori e sono uguali a quelle dell’outlet.

  6. Ok, Michele, della convenienza sono convinto (con le avvertenze di Cosimo).
    Era solo una nota sul fatto che alcune sono solo aziende di distribuzione e non di produzione (come appunto geox)…

  7. Cosimo ha perfettamente ragione.

    ma ricordiamoci che ciò che conta in qualsiasi attività e’ il Sistema, e questi signori proprietari di Outlet il Sistema lo conoscono a menadito.

    Tutto sta nella testa delle persone, ma la tecnica dell’imbuto ove si parte con prodotti a basso costo per incrementare le vendite e più o meno simile.

    e di questo il Web ne e’ pieno..

    indi..ben vengano gli Outlet…ma con riserbo.

  8. ed a proposito di scarpe… questa settimana Geox ha fatto un po’ di strada.

    un’azienda solida che in questo ultimo anno ha subito il mercato.

    rimane un’azienda solida , gestita da Mario Moretti Polegato con grande passione.

    ultimamenta ha acquisito il marchio Diadora e fara’ sicuramente un’ottimo lavoro anche con esso.

    Rimango sul titolo.

  9. Ragazzi, scusate se mi intrometto. Michele da qualche parte ha scritto che “l’abito fa il monaco”. E’ vero, in questa società dei consumi, che non condivido, è più importante apparire che essere. Coerente con me stesso non compro, anche se a buon prezzo, scarpe Tod’s o Geox. Come “cassettista” mi limito a controllare le loro performace azionarie ad un anno.
    Tod’s + 41,76%
    Geox – 37,55%

  10. Caro Pippo, grazie del commento …
    anche io non condivido ma cerco di reagire sfruttando a mio favore questi trend e questi fenomeni …
    … non posso vedere chi per difendere il proprio Ego si emargina come un artista dimenticato da Dio.
    Grazie comunque della segnalazione, tienici aggiornato.

  11. Sì infatti io vivo a Milano , ma dovrei iniziare a cercare Outlet anche qui a Milano , perchè so che ce ne sono!!!!!!!!

  12. salve,vorrei aprire un negozio di scarpe grandi e piccini,ke devo fare ?mi aiutate

  13. outlet!! diciamoci la verità la maggior parte (90%) di questi sono solo specchietti per le allodole, in molti casi servono solo per un bel riciclo di merce non venduta nei negozietti sotto casa oppure spostano le stesse merci da un paese all'altro. Quello che veramente bisognerebbe approfondire è il significato di sconto tecnica pur sempre commerciale, ma lo sconto in base a che cosa?, e perchè prima lo paghi 100 e adesso 50?, dovè stà il valore reale di cio che stò per acquistare? questa è una leva molto potente che spesso ( a mio parere) e na grande presa per il c…o. Se qualcosa costa poco chiedetevi perchè la gente in indonesia muore di fame e di altre tragedie bruttissime oltre la loro vita quotidiana. Il buisness oggi come oggi ti rende bello da una parte e dall'altra muoiono migliaia di bambini, migliaia di famiglie resi in uno stato inimaginabile, (e noi occidentali siamo da compatire quindi ti faccio lo sconto) per fare un bel paio di scarpe al buisnesman di turno, volere o volare contribuiamo a tutto questo. Geox è una scarpa fantastica come anche altre, però questi capitani industriali cosa hanno piu a cuore le persone o i soldi? è chiaro che hanno a cuore piu i soldi infatti spostano tutto all'estero perchè bulgaria, romania e tanti altri posti sono completamente schiavi e guai chi alza la testa per fare una domanda! con questo non voglio fare tutta di un erba un fascio ma bisogna ficcarci nelle nostre testoline che non è piu tempo di chiacchere, l'unica condivisione piu grande ripetendola in modo repentino ogni giorno come fà la nostra cara pubblicità e che dietro di noi muoiono i nostri fratelli per responsabilità anche nostra che lo si voglia o meno quindi tutti quei super marchi che portano nei paesi piu poveri meritano solo di essere boiocottati e fargli capire che il popolo è cosciente di quello che stanno facendo, gli industriali dipendono dai clienti dobbiamo incominciare a essere clienti consapevoli, provate a prendere un 1 miliardo di euro nelle tasche andare da uno di questi grandi famigerati esperti industriali e dirgli che voi farete un ordine da 1 miglione di euro di scarpe a patto che vediate se vengono rispettati i diritti umani per quelle persone che lavorano nei piani piu bassi ( gli schavi) ho detto 1 miglione di euro perchè è chiaro che se vai con 100 euro in mano si mettono a ridere ma provate ad immaginare 100 persone con 100 euro in mano oppure 10.000 persone con 100 euro che vogliono comprare scarpe a patto che i dipendenti siano rispettati nei loro diritti. Nulla di contrario con questo articolo ho solo voluto aggiungere un aneddotto molto importante e credo fondamentale per ogni tipo di acquisto. Saluti a tutte le persone del blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.