Qualità o Quantità: Qualità della Vita e Qualità del Lavoro (2)

https://www.tradingfurbo.net/ricchezza-vera/qualita-di-vita/

Eccoci di nuovo qua: nel precedente articolo abbiamo riflettuto sull’importanza della qualità in ambito professionale e abbiamo visto come la ricerca continua di qualità in quello che si propone al mercato può rendere la nostra offerta immune dalle crisi economiche e garantirci serenità a prescindere dall’andamento dell’economia.

Abbiamo riflettuto sul potere di Internet e su come per esempio piccole realtà come Tradingfurbo.net possono crescere grazie alla qualità dei contenuti e grazie a tantissime persone in grado di apprezzarla: questo può far acquisire a piccole realtà un potere di influenza non trascurabile in grado di condizionare o influenzare i grandi sistemi e questo è essenziale per migliorare la qualità del mondo in cui viviamo e ci spinge ad impegnarci a lavorare per lasciarlo un pò migliore di come lo abbiamo trovato.

Tante piccole realtà di business infatti stanno mettendo in crisi i dinosauri dell’economia obbligandoli a rimettersi in gioco e a non adagiarsi sugli allori.

Questi a causa della loro mole e della loro lentezza ad adattarsi al cambiamento restano a guardare preoccupati l’evolversi della loro crisi: ma ogni crisi ha il germe della rinascita!

In questo articolo voglio riflettere ancora con te sull’importanza della qualità ed esaminare come la continua ricerca di qualità da parte dell’individuo può fare la differenza tra il vivere e il sopravvivere.

Questo articolo ha molto a che fare con la qualità del lavoro e della vita, la possibilità di creare valore personale e la gestione del tempo.

Il lavoro è un aspetto fondamentale dell’esistenza di ciascun individuo: se fai un lavoro qualunque soltanto per avere la garanzia di portare a casa quel tanto di soldi che ti permettono di vivere con dignità, sarai prima o poi destinato a vivere una profonda crisi personale.

Ma ogni crisi ha in se il germe della rinascita: ricordi?

Il lavoro ideale è un lavoro che ti consente di creare valore crescente e duraturo soprattutto per te!

Se fai un lavoro e sei consapevole che lo stai facendo solo per arricchire l’azienda che ti paga per farlo sei in pericolo estremo!

E’ giusto creare valore per l’azienda che ti sta pagando, ma nel farlo devi creare valore anche per Te.

C’era un grande di cui non ricordo il nome che diceva: “Work harder on yourself then you do on your Job!“; la traduzione è: dedica più tempo della tua giornata a lavorare sulla tua persona piuttosto che a fare il lavoro che fai.

Facendo in questo modo si innescherebbe un circolo virtuoso che porterebbe benefici sia alla nostra persona sia alla qualità del prodotto del nostro lavoro.

Ritornando al discorso della qualità e alla diatriba tra qualità e quantità, su quale di queste due variabili dobbiamo concentrarci per rendere davvero speciale la nostra vita?

In questa serie di post abbiamo incominciato a riflettere su questi aspetti e ci siamo accorti come essi possano influenzare vari aspetti della nostra esistenza.

Oggi ritorniamo a focalizzarci sulla gestione del nostro tempo e sull’importanza di fare ogni giorno cose di qualità!

La domanda è questa: è meglio passare la giornata a fare tante cose (rischiando di comprometterne a volte la qualità con cui vengono fatte) o è meglio farne poche, bene e giuste?

Ti faccio riflettere su questo perchè mi sono accorto che tantissime persone sono contente solo se riempiono la loro agenda di cose da fare.

Queste persone sono orientate a riempire freneticamente la loro giornata ma quando si voltano indietro dopo anni, si ritrovano con “un pugno di mosche in mano”.

Non hanno costruito niente di concreto per loro, semplicemente perchè non avevano un progetto e non si sono focalizzati ogni giorno sulle cose che potevano incidere in maniera davvero positiva sulla loro vita.

Si sono focalizzate sul fare tante cose, cioè sulla quantità e il processo è semplicemente diventato “fine a se stesso”.

La loro vita sarebbe stata diversa se avessero saputo individuare le cose che avevano il potere di incidere positivamente sulla loro esistenza.

Si sarebbero goduti di più la vita in tutti i sensi, avendo molto più tempo per loro e vivendo in maniera più serena e agiata.

Avrebbero evitato di essere semplicemente i protagonisti di una corsa frenetica che li avrebbe infine portati al punto da cui erano inizialmente partiti: un grande spreco di energia e di tempo per dare un risultato algebrico pari a zero.

In pratica in tutto questo tempo è successo di tutto ma in definitiva non è successo un bel niente.

Ma il tempo perduto non ce lo ridà nessuno indietro!

Meditate gente, meditate!


2 opinioni riguardo a “Qualità o Quantità: Qualità della Vita e Qualità del Lavoro (2)

  1. Parole sante!! Parole sante!! Esattamente come la penso io…il problema è che tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare e quindi molte volte metter in pratica ciò che si è appreso e ciò che crediamo sia giusto, non è sempre così facile come si crede. La causa? Il poco tempo libero che ci consenta di intraprendere con serietà e costanza un percorso interiore di automiglioramento… Dobbiamo trovare il tempo per lavorare su noi stessi! La mitica frase: “Work harder on yourself then you do on your Job!“ me la sono già segnata ;-)

    Ciao a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.