Finanza Personale: Stato Patrimoniale e Conto Economico

https://www.tradingfurbo.net/psicologia-della-ricchezza/i-conti-della-serva/

La situazione è davvero tragica, i paesi con un alto tenore di vita sono a meno di poche eccezioni i paesi più indebitati del mondo (vedi l’America).

La causa di cio’ è da ricercare in una notevole ignoranza finanziaria delle persone.

Le persone tendono ad acquistare sotto la pressione dei mass media per sentirsi conformi ad un modello imposto dalla società, molto spesso questo acquisto è forzato ed impulsivo e la persona in questione non è cosciente di quello che sta facendo.

La facilità di esposizione al debito al consumo attraverso le carte di credito che “basta strisciare e passa la paura”…

… “che basta strisciare e come per magia”…. sta espononendo moltissime persone a combattere per arrivare alla fine del mese con l’acqua alla gola.

Si lavora per rincorrere i debiti che come in un incubo non vengono mai estinti, anzi vengono alimentati come in un circolo vizioso che porta alla disperazione e alla rovina.

Il ceto medio sta scomparendo semplicemente, perchè non riesce a gestire le proprie risorse finanziarie (per esempio le eredità lasciate dai propri parenti defunti), stanno aumentando sempre di più i poveri e i pochi ricchi stanno diventando sempre più ricchi: questo è legato al fatto che la maggior parte delle persone trova “fastidioso” mettersi a studiare o interessarsi alle proprie finanze e solo i pochi “pazzi” che lo stanno facendo da anni stanno vedendo i risultati in termini di ricchezza e patrimonio.

La parola d’ordine è : FORMAZIONE FINANZIARIA… per riuscire a provvedere da sè alla propria situazione presente, creare le basi di un futuro solido o quantomeno sereno, per se e soprattutto per i propri cari che altrimenti potrebbero essere addirittura costretti a vendere i loro patrimoni per coprire le spese dell’assistenza sanitaria di breve e di lungo periodo.

Devi metterti in testa che la situazione sta cambiando: l’Italia come altri paesi ha un debito tale da non riuscire (e sempre di più) a coprire le spese sanitarie (per esempio) considerando il fatto che la vita media delle persone sta aumentando e la porzione di ultra ottantenni sta aumentando di anno in anno (poi non tiriamo nemmeno fuori il discorso delle pensioni :wallbash_tb:).

Quello che può aiutare in questa situazione è una cultura finanziaria adeguata: si, proprio così, le persone dovrebbero fare acquisti consapevoli e “in linea” con la loro situazione finanziaria, che dovrebbero conoscere a menadito e che dovrebbe essere tenuta sotto controllo addirittura mensilmente (trimestralmente se non c’è un carattere di urgenza e una situazione di emergenza).

Ma come si può tenere sottocontrollo la propria situazione finanziaria se non si ha un minimo di cultura in questo campo?

Eppure i concetti sono semplici da comprendere, occorre familiarizzare con concetti come “Stato Patrimoniale” e “Conto Economico“.

Proverò quindi a darti una banale ma esaustiva definizione di entrambi i concetti, solo in questo modo capirai quanto è importante familiarizzare, soprattutto a livello pratico, con questi temi allo scopo di “risanare” la propria situazione finanziaria.

Dopodichè proveremo a fare qualche esempio per “oleare il meccanismo mentale”.

Lo Stato Patrimoniale si può costruire prendendo un foglio bianco e dividendolo con una riga verticale, in alto a sinistra scriviamo la parola “PASSIVI”, in alto a destra scriviamo la parola “ATTIVI”, abbiamo costruito due colonne, rispettivamente la colonna dei “PASSIVI” a sinistra e la colonna degli “ATTIVI” a destra.

Che cosa contiene lo Stato Patrimoniale e che cosa contengono le due colonne?

Lo stato patrimoniale contiene le “voci di patrimonio” ossia tutti i beni materiali (casa) o immateriali (brevetti) in tuo possesso, ognuno di questi determina mensilmente dei costi o dei ricavi.

Se la voce di patrimonio genera mensilmente dei costi è una PASSIVITA’, se invece genera dei ricavi è una ATTIVITA’.

Ogni voce dello Stato Patrimoniale genera un “flusso di cassa” che condiziona costantemente la situazione del tuo “Conto Economico“.

Che cos’è a questo punto il “Conto Economico”?

Il conto economico si ottiene prendendo un foglio bianco e procedendo allo stesso modo di prima ricavando cioè due colonne, solo che in questo caso, in alto a sinistra scriviamo “COSTI” e in alto a “DESTRA”, scriviamo ricavi.

Ogni voce dello Stato Patrimoniale “soffia” con il proprio “vento di moneta” sul Conto Economico, generando dei veri e propri “Flussi di Cassa” che si sommano aritmeticamente: se la somma è positiva, domineranno i flussi provenienti dalle “Attività” che “Elideranno” completamente i flussi provenienti dalle “Passività”, generando un flusso netto di ricavi che andrà a “rimpinguare” la colonna dei Ricavi alimentando la quota di liquidità.

Questa liquidità può essere spesa immediatamente per soddisfare i vari bisogni personali, ma dovrebbe essere possibilmente accantonata, almeno in parte, investendola in nuove attività: per esempio potrebbe generare una rendita da portafoglio (questo avviene per esempio con l’acquisto di titoli di Stato, azionari o obbligazionari).

Il tuo obiettivo è incrementare di nuove voci la colonna degli “ATTIVI”.

In questo modo avrai una prevalenza sempre maggiore di flussi di ricavi e questo alimenterà la liquidità, che a sua volta può essere utilizzata per l’acquisto di nuovi ATTIVI in un circolo virtuoso che porta inevitabilmente alla liberta’ finanziaria.

Il cambiamento inizia dalla consapevolezza, innanzitutto esercitati ORA a classificare ogni tua voce patrimoniale come “ATTIVO” o “PASSIVO”, mi piacerebbe se intervenendo su questo post con il pulsante dei commenti, lo arricchissi di considerazioni, osservazioni ed esempi, cominciando da SUBITO.

Spero di esserti stato utile.

p.s.: se vuoi incominciare a generare una rendita da portafoglio o soltanto iniziare a familiarizzare con gli investimenti nel mercato azionario, clicca qui;

p.s. II: se non hai ancora scaricato GRATUITAMENTE le mie risorse, TI CONSIGLIO VIVAMENTE di farlo ORA non si sa mai che un giorno, svegliandomi, decidessi di Venderle dato che hanno un valore commerciale rilevante: per scaricarle GRATUITAMENTE clicca qui.


10 opinioni riguardo a “Finanza Personale: Stato Patrimoniale e Conto Economico

  1. di libri ce ne sono a iosa.

    ma cio’ che conta e’ incominciare a capire dove finiscono i nostri soldi.

    teniamo un rendiconto giornaliero delle spese , solo cosi’ potremo icominciare a capire se e come Risparmiare.

    la Prima Risorsa della Ricchezza e’ il risparmio nonche’ la consapevolezza dello stato delle cose.

    molte persone guadagnano cifre mensili che si aggirano intorno ai 7/8000 euro , ma non hanno ne capitali ne tantomeno immobili e quant’altro..

    sono i cosidetti Poveri con alto tenore di vita.

    meditate !!

  2. Giuste osservazioni Roberto … di libri è vero ce ne sono a iosa. Quello che spesso manca e’ la voglia di dedicarcisi e metterli in pratica…
    e’ proprio questo che fa la differenza, ma già è un buon inizio comprarli, molto spesso la presenza di certi libri, il solo averli mi aiuta e
    mi da sicurezza … chiaramente poi ci vuole l’azione programmata e strategica.
    Grazie

  3. Scusa se mi intrometto, ma pochi giorni fa ti avevo lasciato una richiesta di commento in uno dei tuoi forum nella quale citavo, un certo Torreggiani Giuseppe ed un certo Alfio Bardolla.
    Non ricordo purtroppo quale forum, ma se vuoi potresti rispondermi ?
    Non ho avuto nessuna risposta alla mia richiesta.

    Grazie

  4. Se fai i commenti con ordine e ti ricordi dove li hai postati scoprirai che ti ho risposto: ogni commento deve essere inerente all’articolo su cui lo fai … ti ho risposto comunque.

  5. Questo articolo ha veramente degli ottimi consigli. Vedo l'utilità di approfondirli. Per quato riguarda lo scaricare le tue risorse gratuite dal tuo sito, ho dei problemi, non riesco a scaricare. Mi da sempre la risposta che l'indirizzo è già registrato e li si ferma tutto. Ho provato a chiedere consigli
    a qualcuno esperto di computer, ma non ho risolto il problema. Mi dispiace.

  6. Vorrei precisare che nel punto dove spieghi lo Stato Patrimoniale fai un errore molto grave, ragioneristicamente parlando: una volta tracciata la riga verticale, a sinistra vanno le attività e non le passività come dici tu. Non so se è stato semplicemente in errore di inversione oppure un errore di concetto, ma qualsiasi ragioniere sa che questo particolare è di fondamentale importanza sia nelle registrazioni contabili e sia nell'interpretazione del bilancio. Ti seguo da un po' di tempo e trovo molto interessanti i tuoi consigli sul trading e spero che questa mia precisazione non venga presa come una critica sterile, ma semplicemente come una informazione utile. Ciao

  7. SALVE A TUTTI DI Robert Kiosaky NE HO LETTI BEN DUE SIA pADRE RICCO CHE i QUADRANTI , QUALCUNO DI VOI POTREBBE CONSIGLIARMI QUALCHE ALTRO BEL LIBRO DA LEGGERE , ( MI SCUSO CHE SCRIVO IN STAMPATELLO MINUSCOLO PERCHE' SI è INCANTATO IL PULSATE, SCUSATE )MI INTERESSA MOLTO IL MONDO DELLA FINAZA , E SICCOME HO EREDITATO UN GRUZZOLETTO STO CERCANDO DI CAPIRE IL MODO PER INVESTIRLO NEL MIGLIORE MODO, MI RENDO CONTO CHE COMUNQUE NON E' ASSOLUTAMENTE FACILE.
    GRAZIE A TUTTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.