Imprenditoria e capacità di delegare: La storia originale di Frank Winfield Woolworth

Imprenditoria e capacità di delegare: La storia originale di Frank Winfield Woolworth


Five and Ten Cents” la formula magica che da sempre funziona e che è stata recentemente riesumata: infatti abbiamo visto aprire negli ultimi mesi dei negozi con la scritta “tutto a 5 e 10 euro” o slogan simili.

Devi sapere che pur sembrando ai nostri occhi una idea innovativa e alla moda è soltanto e “revival” della formula che ha fatto arricchire Frank Winfield Woolworth una persona che deve essere preso come esempio di come sia importante avere fiducia negli altri e di come sia fondamentale l’azione di delega per sviluppare un impero.

Di origini modeste Frank diventa uno degli uomini più ricchi d’America nonostante debba affrontare alcuni fallimenti nei primi anni della carriera.

Arrivato da una piccola cittadina dello Stato di New York, il ragazzo di campagna diffonde ovunque la sua formula “five and ten cents”, prima in America e poi in tutto il mondo.

Da un primo negozio avviato nel 1879 alle migliaia di punti vendita del 1918, la crescita della F.W. Woolworth & Co. è stata fenomenale e ha cambiato il mondo della vendita al dettaglio, portando il suo fondatore alla ricchezza e alla fama.

Woolworth è stata la prima catena di vendita basata sul prezzo.

Il segreto di questo suo successo si deve a una grande capacità di delega. Leggi di più infoImprenditoria e capacità di delegare: La storia originale di Frank Winfield Woolworth


Febbre del Gioco, Lotterie e Bisogno di Variabilità

Febbre del Gioco, Lotterie e Bisogno di Variabilità


Perchè ho deciso di Investire in Azioni? Perchè non è un “Gioco” che dipende solo dalla fortuna! :zip_ee:

Si dice che chi si accontenta gode, ma in realtà tutti noi siamo accomunati dal bisogno di avere di più: ogni volta che raggiungiamo il benessere e la serenità si attiva uno dei tanti bisogni umani che rendono frizzante e imprevedibile questa nostra vita: il bisogno di variabilità.

Tutti noi abbiamo bisogno di sicurezza, questo bisogno è molto forte quando non abbiamo certezze riguardo ad una certa situazione ed avvertiamo paura per il futuro; ma quando la condizione di serenità è raggiunta si innesca un bisogno che si contrappone a quello che abbiamo descritto pach’anzi: è il bisogno di variabilità! :ponder_tb:

La vita troppo prevedibile e sempre uguale a se stessa stanca dopo un pò e quando questa condizione è raggiunta ci spingiamo verso nuovi “lidi”, verso situazioni sfidanti che ci mettono in gioco.

C’è chi si accontenta, ma molti di noi vorrebbero avere più soldi, perchè associamo a questi, dei significati importanti che sono diversi da persona a persona. Quello che è importante è che i soldi possono assumere per persone diverse, significati diversi e molto forti.

Questi significati sono praticamente i nostri valori più importanti: una persona di successo sà che per ogni cosa è necessario pagare un prezzo e per realizzare i valori più alti a volte bisogna essere disposti a pagare un prezzo molto alto. Leggi di più infoFebbre del Gioco, Lotterie e Bisogno di Variabilità


Economia Mondiale ed Economia Personale: la differenza che fà la differenza!

Economia Mondiale ed Economia Personale: la differenza che fà la differenza!


Non è detto che la Situazione Economica Globale influenzi per forza la situazione Economica Personale !

Abbiamo tanti esempi per confermare che questo è vero, vediamoli! Leggi di più infoEconomia Mondiale ed Economia Personale: la differenza che fà la differenza!


Colloquio di Lavoro: Come affrontare e superare un colloquio di lavoro

Colloquio di Lavoro: Come affrontare e superare un colloquio di lavoro


Una frase che sento dire spesso è questa: “Non c’è lavoro! Non c’è lavoro!”. :annoyed_tb:

Ma sai quanti imprenditori hanno bisogno di persone in gamba? E sai perché? Perché se trovano persone in gamba sono ben felici di pagarle profumatamente, ti spiego: gli imprenditori hanno tantissimo bisogno di persone che gestiscano bene le loro attività, sappiano risolvere i problemi, siano corrette. Hanno cioè bisogno di gente in gamba e di fiducia per poter affidare loro la gestione delle loro attività. :ponder_tb:

Conosco persone che sostengono continuamente dei colloqui di lavoro e non vengono mai “scelte” e altre persone che migliorano continuamente la propria posizione, il proprio stipendio e le proprie condizioni di lavoro cambiando diversi lavori, sostenendo altrettanti colloqui e diventando sempre più bravi e capaci di trasmettere sicurezza al datore di lavoro al momento della selezione. :thumbup_tb:

Quali sono le differenze tra queste due categorie di persone? :ponder_tb:

Possiamo una volta individuate le differenze, stilare una sorta di elenco delle caratteristiche ideali e valori importanti su cui puntare per aumentare le probabilità di essere assunti?

Può una qualsiasi persona individuati i segreti e le strategie per convincere il datore di lavoro ad assumerti applicarle con successo?

Scrivo questo articolo per far riflettere giovani e meno giovani in cerca di un posto di lavoro sugli aspetti di fondamentale importanza su cui puntare per aumentare la probabilità di essere assunti.

Posso darti qualche consiglio perché sono stato da entrambi i lati del tavolo ossia ho una esperienza come selezionatore e chiaramente ho dovuto sostenere a mia volta in diversi casi un colloquio di lavoro per essere assunto. Leggi di più infoColloquio di Lavoro: Come affrontare e superare un colloquio di lavoro


Redditività Aziendale: Guadagnare di più ecco due semplici strategie

Redditività Aziendale: Guadagnare di più ecco due semplici strategie


Vendi qualcosa? Lo sai che puoi guadagnare di più lavorando di meno?

Oggi vediamo due banali considerazioni che tutti possono comprendere ma che non tutti applicano per aumentare la redditività aziendale in modo veramente semplice.

Le due strategie sono queste:

– aumentare il numero delle transazioni di vendita;

– aumentare il prezzo del prodotto che proponi;

Le due strategie sono abbinabili e possono dare origine ad una serie di soluzioni diverse che vanno valutate attentamente perchè possono incidere notevolmente sulla Redditività Aziendale, sull’ Immagine dell’Azienda, sul carico di lavoro da sostenere da parte della struttura organizzativa della stessa, ecc…

Cerchiamo di analizzare queste due opportunità con impegno per capire il significato di queste strategie, come implementarle per aumentare la redditività aziendale e soprattutto i cambiamenti pratici e concreti che esse possono determinare.

Aumentare il prezzo del prodotto è una operazione banale ma che porta ad una ventata di freschezza nelle nostre casse e rinvigorisce il nostro cash flow (a parità di transazioni di vendita effettuate);

La scelta del prezzo di un prodotto è una questione delicata ed esiste proprio una branca del marketing che si dedica allo studio del prezzo e su come le decisioni che riguardano il prezzo possano influenzare la redditività aziendale, questa scienza è nota con il nome di Pricing. Leggi di più infoRedditività Aziendale: Guadagnare di più ecco due semplici strategie


Inflazione: esistono soluzioni?

Inflazione: esistono soluzioni?


L’inflazione è una piaga sociale, esistono diverse soluzioni per calmierare gli effetti dell’inflazione sulla nostra vita privata, tutto parte dalla conoscenza del problema e dalla consapevolezza ed è per questo motivo che ho deciso di ospitare il Guest Post di Andrea Segato, consulente di Kinebar, per offrirti un approfondimento del problema e una possibile soluzione.

Ecco i passi che si possono seguire per difendersi dall’inflazione:

PASSO 1:

“L’inflazione, in economia, indica un generale aumento continuo dei prezzi di beni e servizi in un dato periodo di tempo che genera una diminuzione del potere d’acquisto della moneta.”

Lo si trova scritto in wikipedia ed è esatto, limpido ed onesto.

Esistono anche informazioni disoneste che nascondono il reale senso del vivere (spendere per vivere).

Un po’ come lo scienziato perbene che scopre l’atomo e lo scienziato malvagio che trasforma l’informazione della scoperta di per se neutra, in bomba nucleare.

In questo ambito (di persone malvagie), le informazioni sono appositamente messe in circolazione da chi (signoraggio) “stampa il denaro” per mantenere una sorta di linea speculativa che può solo innalzare l’emissione di banconote arrivando alla dicitura numerica impressa di valore di miliardi con controvalore di pochi spiccioli reali. Leggi di più infoInflazione: esistono soluzioni?


Eugenio Benetazzo: ovvero come imparare a prevedere lo scenario macroeconomico con realismo e lungimiranza!

Eugenio Benetazzo: ovvero come imparare a prevedere lo scenario macroeconomico con realismo e lungimiranza!


L’articolo di oggi l’ho scritto per farti conoscere un personaggio molto interessante e preparato: Eugenio Benetazzo.

Ho conosciuto per la prima volta Eugenio Benetazzo leggendo il suo libro “Duri e Puri” edito da Macro Edizioni, in cui l’autore profetizzava la crisi imminente del 2008-2009.

In quel periodo era calma piatta e nessuno si aspettava una tale botta!

Mi ricordo come se fosse adesso quando dissi ai miei amici (che andavano tranquilli a divertirsi in discoteca) che stavano arrivando tempi duri, mi risposero: “Ma cosa stai dicendo Michele, qui va tutto alla grande!”.

E’ stato proprio Eugenio Benetazzo in quel periodo ad aprirmi gli occhi perchè di interpretazione degli scenari Macroeconomici non ne capivo niente e non mi volevo impegnare a studiare questa materia.

Erano gli anni della pratica assidua del Trading On Line ed investivo principalmente sul mercato Americano con operazioni di breve-medio termine basandomi solamente sull’analisi tecnica e l’interpretazione dei grafici.

Sentir parlare Eugenio Benetazzo mi fece aprire gli occhi e compresi l’importanza di alzare la testa e guardare il lungo periodo.

Cominciai ad intuire che era molto utile comprendere come si sarebbero mossi i capitali nei prossimi anni perchè solo così potevo prevedere lo scenario futuribile, le prossime mosse, capire dove sarebbero andati i capitali e quali sarebbero state nei prossimi anni le opportunità da sfruttare.

Capire lo scenario macroeconomico futuribile è molto utile: puoi comprendere quali settori vivranno delle difficoltà e sapendolo prima potrai muoverti in anticipo per prendere le dovute precauzioni e sperare di “sfangarla” o addirittura approfittarne traendo dalla situazione degli ottimi vantaggi.

Leggi di più infoEugenio Benetazzo: ovvero come imparare a prevedere lo scenario macroeconomico con realismo e lungimiranza!


Assistente Virtuale: Come incrementare il proprio businness

Assistente Virtuale: Come incrementare il proprio businness


Ho sentito parlare per la prima volta di questo concetto quando lessi il libro di Thimoty Ferris “4 Ore alla Settimana“;

questo libro, che non ho trovato particolarmente gradevole è stato importante per me, perchè mi ha fatto conoscere una nuova opportunità: quella di assumere un’assistente virtuale;

Conoscevo da tempo il concetto di redditività legata all’incrementare il “valore orario”del proprio tempo e cioè: se tu hai le capacità per guadagnare ad esempio 1000 euro all’ora, perchè dovresti dedicarti ad attività che non hanno per te questo valore. Leggi di più infoAssistente Virtuale: Come incrementare il proprio businness


Trading in Opzioni: Come cominciare?

Trading in Opzioni: Come cominciare?


Il trading on line in Opzioni è una “moda” del momento: “ci sono società che guadagnano tantissimi soldi insegnando le basi per Tradare con le Opzioni”, i corsi base sono costosissimi ma te li consiglio vivamente se vuoi cominciare a sfruttare questa opportunità di investimento.

Senza che Io faccia pubblicità ai miei colleghi che come me guadagnano svelando a chi è interessato i segreti del Trading On Line in Opzioni, prova ad informarti in giro nel Web: è semplice basta andare su Google e digitare la parola “Trading On Line in Opzioni Corsi di Formazione” e prova a fare un confronto tra le diverse proposte che trovi.

Il post di oggi vuole consigliarti un percorso mirato per ottenere il massimo dal Trading in Opzioni. Leggi di più infoTrading in Opzioni: Come cominciare?


Eolico in Italia: attiviamo il nostro S.A.R.

Eolico in Italia: attiviamo il nostro S.A.R.


Attiviamo il nostro S.A.R.: Impianti Eolici e Opportunità di Investimento.

Con questo articolo voglio ricordarti il significato del termine “focalizzazione” e sottolinearti quanto è importante focalizzarsi su un obiettivo per attrarre a se le giuste opportunità.

La fortuna coglie la mente preparata!”: dice il proverbio. :doh_tb:

E’ questa la frase che esprime meglio il concetto di focalizzazione.

La focalizzazione è l’azione di concentrazione della nostra attenzione su un obiettivo specifico o su una situazione specifica, è una richiesta di attivazione del nostro S.A.R. (il Sistema di Attivazione Reticolare).

Faccio un esempio: mettiamo che per caso conosco un tipo ad una festa e vengo a sapere che lui non ha un lavoro preciso … mi dice che si occupa di investimenti immobiliari e che acquista immobili e poi li rivende ad un prezzo più alto, lo fa per se e per gli altri e dalla differenza tra il prezzo d’acquisto e il prezzo di vendita riesce a ricavare un ottimo guadagno, paragonabile ad uno stipendio medio di un operario, con la differenza di avere molto più tempo a disposizione. :ohmy_tb:

La cosa mi incuriosisce a tal punto che mi iscrivo ad un corso per imparare ad investire in immobili e sono talmente esaltato che gran parte del giorno penso ai nuovi concetti appresi, alle nuove opportunità, a quello che ho imparato e che ancora posso imparare: si è già attivato il mio S.A.R., il Sistema Attivazione Reticolare che è una parte della nostra Mente Subconscia (ancora non si conosce precisamente il substrato anatomico che la rappresenta) che mette letteralmente a fuoco tutte le risorse che sono coerenti con quell’idea.

Quando si attiva il nostro S.A.R. non ce n’è per nessuno ! :jittery_tb: Leggi di più infoEolico in Italia: attiviamo il nostro S.A.R.


Argento: Il nuovo bene rifugio?

Argento: Il nuovo bene rifugio?


business-argento

Ciao …

… oggi ti voglio parlare di un trend che è ancora a conoscenza di pochi :”il trend rialzista dell’argento“.

Giorni fa, mentre passeggiavo in città, ho visto l’ennesimo negozio “Compro Oro, Pago Subito in Contanti!“.

Mi sono detto: “Sono convinto che la maggior parte dei titolari di questi negozi non capisce niente di trend economici e che credono che l’oro sia ancora il business del presente!”.

Ma in realtà credo che il business del presente sia l’argento.

Credo e io non mi interesso ancora molto di metalli preziosi, che per diversi motivi l’argento sia destinato a realizzare rialzi del suo prezzo molto più grandi, a parità di tempo, di quelli che può far ancora realizzare l’oro.

Ed è per questo che il business del presente è l’argento.

Attualmente l’argento passa di mano a circa 30 dollari l’oncia, ma secondo me ci sono almeno un paio di buoni e fondamentali motivi chiave per vedere il prezioso metallo grigio a 60 dollari l’oncia , ovverosia al doppio delle quotazioni attuali in poco più di un anno.

Innanzitutto, c’è da dire che negli ultimi anni la domanda di argento ha sempre superato l’offerta, ragion per cui l’equilibrio è stato raggiunto andando sempre ad utilizzare le scorte; e visto che le scorte di argento si stanno esaurendo, ci sono tutti i presupposti per una e nuova corsa dell’argento.

Se ci pensiamo bene e se ci guardiamo un pò in giro, oggi i negozi “Compro Oro, Pago Subito in Contanti” sono moltissimi, ce ne sono ad ogni angolo della città.

E come succede spesso, quando sembra che tutti facciano festa, la festa è già finita da un pezzo e tutti quelli che dovevano mangiare hanno mangiato, bevuto e si sono divertiti: non c’è più spazio per noi!

Basti pensare a tutte le esigenze Hi-Techi che avranno i nuovi benestanti: la Cina era anni fa un paese di poveri, ora con lo sviluppo economico (la Cina è la seconda potenza mondiale) tanti ex-poveri sono diventati i nuovi benestanti.

Questi nuovi benestanti hanno innalzato il loro tenore di vita e hanno nuove esigenze da soddisfare.

Inoltre molti processi per ricavare energia da fonti rinnovabili hanno bisogno dell’argento come catalizzatore.

Ci sono nuovi problemi e nuove opportunità.

La richiesta di hi-tech in Cina, un paese di nuovi benestanti, creerà molta domanda di materie prime tra cui l’Argento.

L’argento infatti è un costituente fondamentale di numerosi micro-chips di vari oggetti hi-tech, tra cui i telefonini.

Con questo articolo colgo l’occasione di presentarti un esperto di Metalli Presiosi,  Carlo Vallotto: per lui è il primo articolo su Tradingfurbo.net ma sono convinto che se la caverà benissimo. Leggi di più infoArgento: Il nuovo bene rifugio?


Rivalutazione Immobili: Puntare sulla ciclicità per arricchirsi

Rivalutazione Immobili: Puntare sulla ciclicità per arricchirsi


I Ricchi sono Tutti Immobiliaristi?

Non tutti ma una buona parte si: Caltagirone, Shemin, Trump, Bardolla, Consalvo..

Be’ l’ultimo a dire il vero e’ soltanto agli inizi, ma come si suol dire, l’appetito vien mangiando… :thumbup_tb:

Il Settore Immobiliare come tanti altri Settori sta subendo un vera Tempesta Mediatica.

I prezzi delle Case crolleranno, non conviene più acquistare Immobili, nessuno concede  Mutui … :lol_tb:

Presumo che sia un gran bel monito che nei prossimi anni non farà altro che Arricchire coloro che Ricchi lo erano già … :rolleyes_tb:

Ma qualcuno probabilmente approfitterà insieme a loro di questo momento e Indubbiamente farà affari come non ne aveva mai fatti.

Proprio così , l’immobiliare ha arricchito molte persone, ma senza ombra di dubbio non pare essere per tutti.

Per quale motivo? Leggi di più infoRivalutazione Immobili: Puntare sulla ciclicità per arricchirsi


Quantitative Easing (QE): Alleggerimento Quantitativo Appesantimento Qualitativo

Quantitative Easing (QE): Alleggerimento Quantitativo Appesantimento Qualitativo


Il Quantitative Easing (or QE) è una procedura con cui la banca centrale di un paese crea nuova moneta immettendola nel sistema finanziario ed economico attraverso operazione di acquisto di titoli.

L’Alleggerimento Quantitativo può avere diversi scopi:

  • può essere messo in atto per “salvare” un istituto di credito;
  • per togliere dal mercato e dalla struttura finanziaria delle banche “titoli tossici” con rischio elevato e bassi rendimenti;
  • perchè c’è una crisi del credito e le banche non prestano denaro ad altre banche, ne a famiglie ne ad imprese, generando una stretta creditizia;

Il Quantitative Easing è stato impiegato con successo dalla Federal Bank per raddrizzare l’economia americana. Leggi di più infoQuantitative Easing (QE): Alleggerimento Quantitativo Appesantimento Qualitativo


Imparare l’Inglese: Perchè è importante?

Imparare l’Inglese: Perchè è importante?


Strategie di Arricching è un termine originale coniato da me, fusione bizzarra di un termine italiano, arricchirsi, e di un suffisso inglese che metto per far capire che è un processo attivo, continuo, orientato alla crescita del valore personale: solo in questo modo, cioè incrementando il nostro valore personale, possiamo dare più qualità anche all’espressione di questo valore interno all’esterno, nel modo in cui vogliamo noi, per esempio migliorando il nostro benessere finanziario.

Infatti come dice il mitico Harv Eker: “Se vuoi cambiare i frutti per prima cosa devi cambiare le radici. Se vuoi cambiare quello che è visibile, devi innanzitutto cambiare quello che è invisibile”; Leggi di più infoImparare l’Inglese: Perchè è importante?


Macroeconomia e Crisi Economica Mondiale: prevedere il futuro economico della Cina analizzando il suo Passato? (parte quinta)

Macroeconomia e Crisi Economica Mondiale: prevedere il futuro economico della Cina analizzando il suo Passato? (parte quinta)

lavoratori-cinesi Ciao eccoci all'ultimo articolo sulla storia della Cina. Nel precedente articolo abbiamo trattato la fine dell'egemonia di Mao e l'ascesa al governo di Deng Xiaoping fautore delle riforme economiche che hanno aperto la strada al capitalismo cinese e hanno determinato i cambiamenti che ad oggi vediamo sia in Cina che in tutto il resto del mondo. Il mazzo di carte è stato mischiato e questo ha colto molti di noi, abituati ad una vita agiata, a rimboccarsi le maniche, a temere per il loro futuro o a lamentarsi ancora di più: a te la scelta! Questo articolo evidenzia le disumane condizioni degli operai cinesi, ma invita a farsi una idea della situazione attuale della Cina tenendo conto anche delle caratteristiche del personaggio principale di questo video e delle opportunità che molti cinesi hanno sfruttato grazie alle loro caratteristiche personali, caratteristiche individuali che come al solito rendono diversi gli schiavi dell'Impero di Mezzo dai neo capitalisti cinesi che tra qualche anno compariranno nella classifica di Forbes o che pur più modesti, guardandosi indietro ringrazieranno Deo Xiaoping e non rimpiangeranno i loro avi vissuti nella miseria dell'imperialismo o dei primi anni della Repubblica. Mettiti comodo quindi e concediti il tempo di farti una idea di come stanno veramente le cose! Video Numero 1: la presentazione di una realtà aziendale cinese che seguiremo per tutto il corso di questo articolo, l'assunzione dei lavoratori, il punto di vista dei personaggi protagonisti della situazione che andremo a conoscere. Video Numero 2: la manodopera è economica, l'esportazione della Cina verso altri continenti è solo all'inizio, le condizioni miserabili degli operai cinesi e il mascheramento delle reali condizioni di lavoro da parte delle fabbriche cinesi, il lavoro minorile. Video Numero 3: gli estenuanti turni di notte e il bisogno di umanità degli operai cinesi, l'aiuto dato dalla fantasia, le contrattazioni con i clienti esteri e i prezzi irrisori a cui vendono le fabbriche cinesi, le strategie di movitazione degli operai cinesi e la meritocrazia. Video numero 4: l'uso delle mollette di panni per evitare che si chiudano gli occhi durante il lavoro:17 ore di lavoro continuo! L'interrelazione stretta tra polizia accondiscendente e imprenditori. la commercializzazione di integratori utili per lavorare tutta la notte, i ritardi di pagamento e il circolo vizioso "lavorare per comprare le medicine per curare i mali dovuti all'eccesso di stress" Video numero 5: il braccio di ferro tra gli Operai che non ricevono la paga e gli imprenditori che non riescono a far quadrare i bilanci. Video numero 6: la lettera di una bambina all'Occidente. La domanda è: perchè qualcuno può permettersi di tornare a casa e qualcuno no a Capodanno? Perchè mentre qualcuno passa il tempo a lamentarsi, qualcuno lavora a testa bassa? Ho conosciuto storie di persone che partendo da queste stesse condizioni sono riuscite ad emergere grazie alla loro mentalità e alla lungimiranza. Ti voglio fornire un link di tanti personaggi famosi che hanno sperimentato una esperienza del tipo "from rags to riches" cioè "dalle stalle alle stelle": eccolo qua! L'esercizio è studiare la loro psicologia e capire qual'è stato il loro segreto, perchè la storia cambia e le condizioni socio-economiche che stiamo vivendo ce lo stanno a dimostrare ed è il "come reagiamo" che sono convinto che farà una grande differenza e inciderà su come verranno scritte le pagine della nostra biografia. Chissà perchè il video racconta dei problemi di una ragazza e guarda caso questa è una minorenne? Quando si è piccoli non si può avere una lungimiranza e una maturità tale da saper gestire le proprie emozioni, essere in grado di fare dei sacrifici e avere la forza di emergere nonostante le ingiustizie e la tirannia dei datori di lavoro. E' improbabile o è molto raro e dipende sia dal vissuto del singolo sia dalla propria costituzione di individuo. Queste storie sono forse le stesse storie che i nostri nonni hanno vissuto nell'epoca del dopoguerra a dimostrazione del fatto che la storia si ripete, i capitali circolano e la ricchezza di una nazione non può aumentare all'infinito se un'altra si arricchisce: in genere è così. Ti invito a riflettere sugli argomenti che abbiamo trattato in questa serie di articoli e spero che farai delle riflessioni costruttive e stimolerai gli altri a fare altrettanto: è indispensabile perchè questa serie di articoli sia servita a qualcosa. Ti suggerisco anche un libro che esamina molto approfonditamente lo scenario che abbiamo descritto e cerca di fare una previsione di quello che succederà nei prossimi anni: eccolo qui. Ecco l'elenco degli articoli precedenti a questo qualora ti andasse di rileggerteli:
Macroeconomia e Crisi Economica Mondiale: prevedere il futuro economico della Cina analizzando il suo Passato? (parte terza)

Macroeconomia e Crisi Economica Mondiale: prevedere il futuro economico della Cina analizzando il suo Passato? (parte terza)

dinastia-han In questo articolo descriviamo il periodo storico che va dalla caduta dell'Impero dei Qin fino alla nascita della Repubblica Cinese. Il periodo che prendiamo in considerazione è di più di 2000 anni e quindi sarà difficile fare una trattazione approfondita di tutti gli avvenimenti, ma questo non impedirà di disegnare lo scenario geo-politico con rapide ma decise pennellate per dare alla fine un quadro "cronistorico" abbastanza chiaro. Iniziamo con quello che è successo dopo la caduta del regno dei Qin. Ci sono battaglie che scrivono la storia, altre la cambiano per sempre. Questo è lo slogan che presenta il film di John Wo "La battaglia dei Tre Regni" di cui puoi vedere il Trailer qui sotto: Nell'ultimo articolo abbiamo narrato la storia del primo imperatore Cinese e abbiamo scoperto tanti avvenimenti i cui contenuti  sono ancora parte integrante  della moderna cultura Cinese. Il regno di Qin, quello del primo imperatore, finisce dopo pochi anni dalla sua morte, quando l'ordine dell'Impero era stravolto per l'incapacità dei successori di mantenere il potere e l'efficenza organizzativa dell'Impero. Fu decisiva una rivolta popolare scoppiata nel 209 a.c. nella quale i ribelli comandati dal generale Xiang Yu nel 206 a.C ottennero la resa dell'impero dei Qin. Liu Bang, un altro comandante dei rivoltosi trasferì la capitale a Chang'An e, nel 206 a.C., si proclamò Imperatore della nuova dinastia Han, assumendo in seguito il nome di Gao Zu. La dinastia Han governò la Cina dal 202 a.C. al 220 d.C. ben quattro secoli dove diffuse la sua influenza sul Vietnam, l'Asia Centrale, la Mongolia e la Corea. Durante la dominazione Han, Il Confucianesimo divenne la filosofia ufficiale di stato, l'agricoltura e il commercio prosperarono, tanto che la popolazione raggiunse i 50 milioni di abitanti, di cui tre milioni abitavano la capitale Chang'an, di fatto la più grande metropoli del suo tempo. Durante la dinastia Han si ebbero grandi progressi intellettuali, letterari, artistici e scientifici. Fu perfezionata la scoperta della Carta tanto da poterla utilizzare quale supporto per la Scrittura e soppiantare così il precedente sistema su Seta o su piccole liste di Bambù. Durante la dinastia Han, la campagna di espansione verso occidente consentì di rendere più sicura "la  Via della seta" consolidando le aree del Pamir, ai confini con la Battriana nell'odierno Afghanistan. Anche il Vietnam settentrionale e la Corea furono invasi dagli eserciti Han. In questo periodo si sviluppa il sistema di tributi in base al quale stati periferici indipendenti o semi-indipendenti pagano una sorta di omaggio formale di sottomissione alla Cina, inviano doni e stabiliscono sistemi di commercio regolato, in cambio della pace e del riconoscimento della legittimità al governo locale. Dopo anni di corruzione nella corte degli Han, un pretore dell'impero, Zhang Jiao, decise di porvi fine supportando un nuovo imperatore che avrebbe dato alla Cina e al suo popolo maggior sicurezza e una crescita stabile, questa fu la prima scintilla che portò alla Rivolta dei Turbanti Gialli e alla divisione dell'Impero di Han in 3 Regni come puoi vedere dalla seguente immagine: tre-regni Con il termine "la battaglia dei Tre Regni" si intende un periodo lunghissimo (oltre 400 anni) di lotte intestine che determinarono alla fine la riunione della Cina come unica nazione incominciando con il lavoro svolto dalla dinastia Sui (581- 618). Alla dinastia Sui segue la dinastia Tang che dura dal 618 al 907: la Cina conosce un periodo di pace e prosperità, che favorisce il fiorire di produzioni artistiche. Dopo la dinastia Tang è la volta della dinastia Yuan che regnò sulla Cina dal 1279 al 1368, dopo essere stata costituita nel 1271 da Kublai Khan. Kublai Khan era un condottiero mongolo, nipote di Gengis Khan che aveva iniziato l'invasione della Cina con varie incursioni nei territori controllati dalla dinastia Jīn che deteneva il potere sulla parte settentrionale della Cina. Questa invasione culminò con la conquista della capitale Pechino e da qui ebbe inizio la dinastia Yuan. A questo periodo (1279 al 1366)  risalgono i viaggi di Marco Polo in Cina. Inizialmente la Cina fa parte dello sterminato Impero Mongolo e Kublai Khan era al tempo stesso sovrano di entrambe le entità territoriali. Verso la metà del 1300, nella Cina malamente governata dai Mongoli della dinastia Yuan, si determinò una situazione di grave instabilità politica. Tutto il tessuto produttivo subì un rapido processo di disgregazione e la popolazione, soprattutto quella delle campagne si ridusse grandemente. Focolai di ribellione scoppiarono in diverse zone del paese finché, in un clima di sommosse, un monaco buddista riuscì ad assumere il potere dando vita alla dinastia Ming che governò il paese dal 1368 al 1644. I primi imperatori Ming, si impegnarono con notevole successo, sia nel tentativo di dare ai loro vasti domini dei confini sicuri (riducendo il potere mongolo verso Nord, assoggettando la Corea e occupando l'Annam), sia cercando di riordinare amministrativamente l'Impero. In primo luogo essi cercarono di rivitalizzare l'economia intervenendo soprattutto in favore dell'agricoltura e agevolando lo sviluppo di una piccola e media classe di proprietari terrieri. Si trattava in parte di misure che ricompensavano tutte quelle classi più povere che avevano appoggiato le rivolte contro i Mongoli. Furono introdotte nuove qualità di riso che davano rese maggiori e, oltre alla coltura del cotone, ebbe allora notevole diffusione quella del sorgo e, successivamente, introdotte dai mercanti europei (spagnoli e portoghesi) quella della patata, del mais e del tabacco. Nonostante la relativa scarsa attenzione data ai commerci, le esportazioni di tè e di prodotti serici verso l'occidente fecero affluire nel paese notevoli quantitativi di ricchezza. Tuttavia artigiani e commercianti continuarono ad essere sottoposti ad una forte pressione fiscale che non favorì, a lungo andare, gli investimenti produttivi, dirottando le risorse finanziarie nell'acquisto di terre. Furono proprio i latifondisti, d'altra parte, a costituire il nerbo della struttura di potere Ming e sempre più vasti territori divennero appannaggio dei funzionari e dei più alti burocrati dell'Impero. Al tempo stesso le masse contadine perdurarono in una condizione di grave miseria e quando, agli inizi del 1600, fu esaurita la spinta all'espansione territoriale, esplosero, alimentate dal diffuso malcontento, grandi rivolte tra le popolazioni delle campagne. D'altra parte, alla fine del XVI secolo, in conseguenza della sua ritrovata unità politica, il Giappone si impose come potenza militare fortemente aggressiva, in special modo verso le regioni coreane. Le rinate difficoltà in politica estera e sul fronte militare, una crescente corruzione tra i funzionari di corte, contribuirono ad una progressiva perdita di prestigio dei dinasti Ming e ad un generale indebolimento del loro potere. Scontri di fazioni ed intrighi caratterizzarono l'ultimo periodo della loro dinastia, che si concluse nel 1627. Il comando passò per un certo tempo nelle mani dei capi delle milizie, finché la famiglia Qing, originaria della Manciuria, riuscì, nel 1644, ad avere la meglio su tutti i contendenti fondando la dinastia Qing. I mancesi riuscirono ad imporre il loro dominio politico soprattutto grazie ad una eccellente organizzazione burocratico-amministrativa, attraverso una oculata politica commerciale ma anche mantenendo larghi settori della popolazione in uno stato di totale subalternità e di miseria anche culturale. Tuttavia, se fino al XVII secolo la popolazione della Cina era stata periodicamente decimata da carestie ed epidemie, ora le migliorate condizioni di vita e di sicurezza favorirono un suo rapido incremento e, fino al 1722, anno della scomparsa del grande imperatore Kangxi, la Cina attraversò un periodo di discreta prosperità, di stabilità interna. Il dominio Manciù finisce nel 1912 con la dimissione dell'imperatore bambino Pu-Yi, la proclamazione del presidente della Repubblica Yuan e la fine della Storia bimillenaria dell'Impero Cinese. Caro il mio tu che leggi: la storia plurimillenaria della Cina sembra non finire mai e a dirti la verità sono un pò stanco dopo tutte le ricerche e lo studio condotto. Però sono confortato dal fatto che adesso conosco meglio la storia di una neo-superpotenza e avendo conosciuto tutti gli avvenimenti che nel corso di un periodo di migliaia di anni l'ha portata all'attuale situazione di egemonia economica credo di saper interpretare (e spero che anche hai la mia stessa sensazione) le scelte che questa nazione compirà alla luce dei nuovi avvenimenti e di quello che è la sua Storia. Nel prossimo articolo, l'ultimo di questa serie cercheremo di conoscere gli avvenimenti più importanti dalla nascita della Repubblica Popolare Cinese fino ai giorni d'oggi. Ecco l'elenco degli articoli precedenti a questo qualora ti andasse di rileggerteli:
Macroeconomia e Crisi Economica Mondiale: prevedere il futuro economico della Cina analizzando il suo Passato? (parte seconda)

Macroeconomia e Crisi Economica Mondiale: prevedere il futuro economico della Cina analizzando il suo Passato? (parte seconda)


cina-e-roma

Ciao, continuiamo a raccontare la storia della Cina.

L’altra volta siamo partiti dal neolitico e abbiamo visto i primi insediamenti attorno al Fiume Giallo, i primi avanzamenti tecnologici che hanno permesso un aumento demografico e la formazione delle prime città.

Abbiamo visto le prime dinastie e ci stiamo avvicinando all’anno zero, anno della nascita di Gesù Cristo, dall’altra parte del globo,  nel mediterraneo, l’impero Romano di Occidente inizia la sua campagna di espansione mettendo la prima bandierina anche in Asia.

Oggi conosceremo la storia del primo vero imperatore cinese e della dinastia Qin: te la racconterò attraverso una serie di video che ho trovato “spulciando” Google.

Ti riporto comunque la cronistoria della civiltà Cinese che è utile tenere sempre sotto agli occhi per avere un quadro chiaro della successione degli avvenimenti.

1 Preistoria

1.1 Paleolitico

1.1.1 Paleolitico Inferiore

1.1.2 Paleolitico Superiore

1.2 Neolitico

Prima di avvicinarci al periodo della dinastia Qin (nome già molto vicino alla parola Cina) ti voglio parlare di due periodi molto importanti: il “Periodo della Primavera” e degli Autunni e il “Periodo degli Stati Combattenti“.

In questo articolo arriverò gradualmente a raccontarti la parte secondo me più importante della Storia della Cina, quella della sua nascita come Embrione di quella Civiltà che ancora oggi si sta esprimendo; questo periodo è il più importante e gli avvenimenti che lo hanno determinato hanno riverbero persino nei tempi moderni e caratterizzano il percorso che la Cina moderna sta ancora percorrendo sotto la guida di un leader che come da suo desiderio non è mai morto. Leggi di più infoMacroeconomia e Crisi Economica Mondiale: prevedere il futuro economico della Cina analizzando il suo Passato? (parte seconda)


Macroeconomia e Crisi Economica Mondiale: prevedere il futuro economico della Cina analizzando il suo Passato? (parte prima)

Macroeconomia e Crisi Economica Mondiale: prevedere il futuro economico della Cina analizzando il suo Passato? (parte prima)


imperatore-giallo

Cronologia della Stoira della Cina

Ti riporto una cronologia della storia della Cina che pubblicherò all’inizio di ogni articolo di questa serie: serve per avere sempre sotto occhio la cronologia storica e schematizzare meglio il susseguirsi degli avvenimenti storici che hanno scritto la storia della Cina.

1 Preistoria

1.1 Paleolitico

1.1.1 Paleolitico Inferiore

1.1.2 Paleolitico Superiore

1.2 Neolitico

Ciao e benvenuto ad una serie di articoli che hanno l’intento di azzardare previsioni sul futuro dell’economia mondiale analizzando la storia di uno dei suoi attuali protagonisti: la Cina.

Questa serie di articoli parte da una mia esigenza di conoscere meglio la Storia della civiltà più antica e più longeva del mondo: quella cinese.

Nella sua lunga e turbolenta storia che si estende per cinquanta secoli, essa ha scalato le altezze del successo e della conquista ed è precipitata nelle profondità della sconfitta e dell’umiliazione.

In certe circostanze mi sono trovato davanti a uno dei tanti “romanacci di borgata” che di fronte ad una famiglia cinese che ormai è parte integrante del nostro tessuto sociale, ha manifestato un comportamento dispregiativo e “dall’alto in basso” verso queste persone e nei confronti di questa civiltà, dicendo frasi del tipo: “ma guarda te sti cinesi, vogliono comandà a noi romani che Roma ha conquistato tutto il mondo!”. Leggi di più infoMacroeconomia e Crisi Economica Mondiale: prevedere il futuro economico della Cina analizzando il suo Passato? (parte prima)


Classifica Forbes ovvero conoscere gli uomini più ricchi del mondo: chi sono e come si sono arricchiti?

Classifica Forbes ovvero conoscere gli uomini più ricchi del mondo: chi sono e come si sono arricchiti?


Gli uomini più ricchi in Italia: ti sei mai chiesto chi sono?

Ti segnalo un interessante video che la dice lunga su come si sta muovendo la ricchezza nel mondo:

Gli uomini più ricchi del mondo: difficilmente avremo l’opportunità di conoscerli di persona e allora ci può aiutare l’immaginazione.

Questo articolo ti presenta gli uomini più ricchi del mondo e vuole invitarti ad immedesimarti per un momento in loro: cosa penseresti in questo momento se fossi Bill Gates o Warren Buffet?

Questi nomi li conosci perchè hanno fatto la storia dell’economia e sono molto chiacchierati, ma sono convinto che la maggior parte degli uomini più ricchi che ti elencherò in questo articolo non li hai nemmeno sentiti mai nominare.

Conoscerli in questo modo non è il massimo ma sono convinto che ci metterà un pò più in contatto con loro e ti assicuro che questo è già molto gratificante! Leggi di più infoClassifica Forbes ovvero conoscere gli uomini più ricchi del mondo: chi sono e come si sono arricchiti?


Akio Morita: quello che ha inventato il Walkman

Akio Morita: quello che ha inventato il Walkman


akio-morita-walkman

Akio Morita, insieme a figure di imprenditori come Eiji Toyoda e Soichiro Honda, va sicuramente considerato uno dei più grandi capitani d’industria giapponesi.

Akio Morita nasce il 26 Gennaio 1921 a Nogoya, città industriale del Giappone.

Per gli standard del suo paese, la sua famiglia appartiene al ceto medio agiato e lui è destinato a ereditarne l’attività, che consiste nella produzione del vino di riso (il sake).

Il giovane Morita non mostra però eccessivo interesse per la cosa, e preferisce armeggiare con i gadget elettronici, costruendo tra le altre cose una radio e un giradischi.

Morita continua a coltivare la sua passione anche al college, scegliendo studi di fisica.

Si arruola poi nell’esercito giapponese durante la seconda guerra mondiale, arrivando al grado di tenente.

Dopo la guerra, Morita rifiuta la facile carriera che lo aspetta nella fiorente attiività di famiglia e, nel 1946, se ne va a Tokyo, dove incontra il suo futuro socio Masaru Ibuka.

Grazie a un prestito di 530 dollari, i due avviano un’azienda, la Tokyo Tshushin Kyougu (TTK), la cui sede viene ricavata da un grande magazzino danneggiato dai bombardamenti. Leggi di più infoAkio Morita: quello che ha inventato il Walkman