Essere, Fare, Avere

Questo è l'ordine corretto: ciò significa che per coprirti di ricchezza è necessario partire da sè

Anche tu puoi investire in azioni !!

Anche tu puoi investire in azioni !!


[Anche tu puoi investire in Azioni – Articolo scritto da Michele Russo di Tradingfurbo.net]

Investire in azioni significa essere disposti a gestire il rischio che deriva dalla dinamica dei mercati e dall’effetto che il loro movimento ha sui nostri soldi.

Investire in azioni significa affrontare “a mani nude” i mercati finanziari.

Se stai pensando di cominciare ad investire i tuoi soldi in azioni sappi che  ti troverai ben presto a fronteggiare lo stress che può derivare dal comperare per esempio Google a 625 dollari e vederlo crollare in una giornata del 13 per cento. Leggi di più infoAnche tu puoi investire in azioni !!


Imparare ad Investire partendo dal tuo cervello

Imparare ad Investire partendo dal tuo cervello


Guadagnare Investendo in Azioni non è così semplice come qualcuno ti vorrebbe far pensare: il successo è determinato da pochissimi semplici regole e all’interno della Membership Zen Trading noi ci impegnamo ad instaurare delle buone abitudini.

Nella Stanza Segreta della Membership collaboriamo tutti per installare nel cervello dei partecipanti delle sane abitudini: sono queste abitudini che una volta installate e rinsaldate grazie al confronto e alla collaborazione tra i partecipanti, che ti consentono di imparare a guadagnare costantemente in Borsa.

Era il lontano 26 Giugno 2012 quando terminai l’E-book di Ingresso alla Membership Zen Trading.

Stavo cavalcando l’onda dell’entusiasmo per aver avuto l’idea geniale di un nuovo modo di fare Trading on Line di cui avevo già chiara la ricetta ma di cui dovevo definire molti particolari.

Sapevo che il processo sarebbe stato del tutto naturale e come al mio solito mi buttai e incominciai a lavorare su questo nuovo progetto.

Sapevo che stavo facendo qualcosa che sarebbe stato apprezzato e riconosciuto da tutti come un modo nuovo di Investire in Azioni.

Ma allora cosa c’è di tanto unico in questa Esperienza di Trading che ho poi chiamato Trading Collaborativo ? Leggi di più infoImparare ad Investire partendo dal tuo cervello


Vendita allo Scoperto: come funziona e come ci puoi guadagnare…

Vendita allo Scoperto: come funziona e come ci puoi guadagnare…

La vendita allo scoperto (denominata in Usa short selling) è una operazione speculativa che consente di guadagnare quando i mercati crollano: sembra strano ma è così! Le vendite allo scoperto consistono nel vendere titoli che non hai in portafoglio. Tantissimi investitori o aspiranti tali credono che le vendite allo scoperto siano più rischiose rispetto alle classiche operazioni al rialzo ma in realtà non è così. In questo articolo cercherò di spiegarti in che cosa consiste "shortare", perchè la maggior parte dei trader non ci si avventura e perchè in realtà è pure più sicura di una classica operazione al rialzo. Ci sono 3 motivi per cui considero una operazione ribassista più sicura è più efficiente di una operazione al rialzo e sono: 1. La violenza con cui crolla un mercato è molto maggiore della forza con cui tende a crescere (quindi con le vendite allo scoperto si guadagna di più e molto più velocemente). 2. L'unica "pecca" (se vogliamo chiamarlo così) è che per le vendite allo scoperto c'è un limite di guadagno rappresentato dal raggiungimento di zero dollari (o euro) limite oltre il quale il titolo non può andare. Questo implica che il guadagno massimo per una operazione short è del 100 per cento del valore iniziale del titolo che prendi in considerazione. Questa caratteristica non implica nessun problema poichè, se vogliamo, quando si verifica l'azzeramento del titolo possiamo chiudere la posizione ed aprirne un'altra. 3. Sono più sicure perchè se gestisci con degli stop loss la posizione, c'è un minor rischio che venga ignorato dal sistema; infatti la velocità con cui un titolo crolla può essere violenta (per effetto del panic selling), mentre di solito un titolo tende a crescere di prezzo molto meno rapidamente ed è più probabile che il tuo stop loss non venga saltato e ignorato. In realtà questo non è sempre vero nel senso che più di una volta ho visto titoli incrementare del 20 o più per cento, ma diciamo che è poco probabile rispetto ad un crollo della stessa entità, soprattutto quando questo si accompagna ad un crollo generale del mercato. Purtroppo (o per fortuna) la Consob controlla molto rigorosamente le vendite allo scoperto e quindi se fai trading on line con broker italiani e soprattutto tratti azioni del mercato italiano avrai quasi sempre le "mani legate". Se vuoi fare pratica con le Operazioni Ribassiste ti consiglio di sperimentarle profondamente su di una piattaforma di Paper Trading come questa e solo quando hai acquisito una certa sicurezza potrai tradare in reale. La piattaforma di Up&Down.com è molto facile da utilizzare ed è quella che utilizziamo all'interno della Membership Zen Trading. Se poi ti senti talmente sicuro di te e vuoi pasare in reale ti consiglio di aprirti un conto con un broker Usa come Interactive Brokers o Optionsxpress che sono sicuri e affidabili. Ti chiederai: "Come è possibile? Se io possiedo un bene materiale è chiaro che ci guadagno quando il suo valore aumenta nel tempo, mentre le cose non vanno bene se il valore di un bene che possiedo si svaluta ogni giorno!". Proprio così infatti, il punto sta nel capire che la regola precedente è vera soltanto quando tu possiedi un dato bene. Nella vendita allo scoperto io vendo dei titoli che non ho in portafoglio. Li chiedo a prestito ad un broker promettendo di restituirli ad una scadenza non determinata e pagando gli interessi relativi al prestito. L'Operazione incomincia quindi con una vendita e un incasso da parte mia. Quando il mercato crolla è il momento buono di restituirli al broker perchè posso comprarli ad un prezzo minore rispetto a quello che inizialmente avevo incassato, glieli restituisco pagando gli interessi e mi tengo la differenza. Sto parlando della differenza tra il valore incassato all'inizio meno gli interessi e meno il costo dei titoli quando li ricompro. La vendita allo scoperto funziona così, provo a farti capire ancora meglio. Io vendo sul mercato aperto un pacchetto di azioni che non mi appartiene, che non possiedo in portafoglio; ma allora ti chiederai: "se non le possiedi come fai a venderle"? E' possibile vendere azioni allo scoperto: vendo delle azioni che mi faccio "prestare" dalla banca e attenti bene, io verso la banca ho l'obbligo di restituire le stesse azioni; semplicemente dico alla banca: "Mi presti queste azioni? Te le restituisco tra un pò!". La banca cioè mi da un servizio che io sono contento di pagare (interessi), ma lo scopo di questo articolo non è di esaminare nel dettaglio quanto io devo pagare per questo servizio. Nel momento in cui io vendo sul mercato aperto una azione ad un certo prezzo, incasso dei soldi, cioè aumenta la liquidità nel mio portafoglio, nello stesso tempo devo ricordarmi che devo far fede ad un obbligo, cioè restituire le stesse azioni "rimediandole" al momento giusto sul mercato aperto. Da adesso in poi quello che mi conviene è cercare di comperarle ad un prezzo minore... ... aspetto che il prezzo cali, le ricompro e le restituisco alla banca. Il mio obbligo è in questo modo estinto e io mi ritrovo con un guadagno che è generato dalla differenza tra la somma che io ho incassato nel momento che ho venduto le azioni della banca e la somma che io ho dovuto "sborsare" per ricomprare le azioni per restituirle alla banca. Come è possibile che il valore di un titolo crolli così rapidamente? Ricordati che stiamo parlando di un prezzo e non di un valore. Nei mercati molto spesso il prezzo crolla per un discorso di percezione e quindi si può speculare su questa dinamica sapendo che in realtà il valore intrinseco viene mantenuto. Cercherò di farti capire questo concetto con due esempi, concentrati! Se un bene lo possiede un altro, e tu sei interessato ad un certo bene, vorresti comprarlo ad un prezzo di mercato più basso e per farlo non hai necessariamente bisogno che il valore di quel bene diminuisca realmente, ma soltanto che il suo valore venga percepito dal mercato come più basso. Un esempio sottile per capire la filosofia delle vendite allo scoperto (short selling): nelle negoziazioni, l’abilità di un bravo negoziatore per spuntare una trattativa più favorevole possibile è quella di “manipolare” ad arte la controparte e fare in modo che questa abbia una percezione alterata della realtà; molto spesso le cose non sono come le vediamo noi ma ci diventano se noi siamo convinti che lo siano. Un altro esempio: quando vuoi comprare una auto usata probabilmente ti informi su quale sia il prezzo di mercato; la maniera più semplice per scoprirlo è vedere la quotazione di un certo modello con certe caratteristiche su quattroruote; ma se noi paragoniamo due auto con la medesima qualità, per esempio una citroen c5 con una passat (ripeto mettiamo che il livello qualitativo sia lo stesso), sappiamo che la passat “tiene meglio il mercato” cioè il suo valore agli occhi del mercato si mantiene più stabile nel tempo rispetto a quello di una citroen c5. Ma non è anche questo un discorso di percezione? Credo proprio di si! In realtà le due auto a livello qualitativo sono paragonabili, e il loro prezzo in partenza era anche lo stesso, ma arrivati alla data X, come per magia il prezzo di mercato è ora diverso. Ritornanodo alla situazione che abbiamo ipotizzato e cioè che io voglia acquistare una auto usata, potrò far leva sul fatto che la citroen è più difficile da ricollocare sul mercato rispetto ad una passat e quindi posso spuntare un prezzo di favore se faccio percepire alla controparte un sentimento di urgenza nel voler vendere, anche ad un prezzo minore, la citroen c5. Nel Trading è la stessa cosa: se io le azioni non le possiedo ma le voglio possedere a breve, vorrei che il loro prezzo diventi più basso, solo allora posso comprarle. Come si realizza praticamente una Operazione di Short Selling? Questa è l'operazione di short selling che sulla piattaforma di trading si realizza specificando il simbolo della società su cui voglio effettuare questa operazione e scegliendo come operazione non il solito "BUY" come avviene per le operazioni long, ma questa volta il "SELL SHORT" che è tipico delle operazioni al ribasso. Le vendite allo scoperto vengono dette "Bearish", bear in inglese significa orso e ci si riferisce al movimento che l'orso compie quando attacca un avversario, cioè una zampata dall'alto verso il basso che mima benissimo il movimento che deve compiere il titolo affinchè io possa guadagnarci. Spero di essere stato interessante, ti consiglio di seguire anche il video qui sotto che parla proprio della vendita al ribasso: Ti saluto affettuosamente ricordandoti se ancora non lo hai fatto, che puoi accedere a delle informazioni preziose e segrete, scaricando GRATUITAMENTE le mie risorse da questo link. p.s.: sei libero di condividere l'articolo e farlo conoscere se credi che merita semplicemente cliccando il pulsante "+1" di Google Plus o il pulsante "Mi Piace!" di Facebook (li trovi entrambi qui sotto). p.s.2: in realtà ti vorrei dire sinceramente che l'articolo secondo me "spacca" e quindi vorrei che fosse visto il più possibile, per fare questo conto anche sul tuo aiuto: sempre con il bottone "+1" o "Mi piace!" di Facebook (grazie!).
Investire in Azioni attraverso le Alleanze di Cervelli

Investire in Azioni attraverso le Alleanze di Cervelli


Recentemente ho lanciato una Membership per aiutare le persone comuni ad Investire in Azioni.

Moltissime persone infatti sono stufe di lasciare i propri soldi in banca perchè dopo anni si ritrovano con un pugno di mosche.

Recentemente diversi risparmiatori hanno trovato una alternativa nei conti di deposito che offrono un interesse medio del 3 per cento e che comunque non sono una soluzione valida.

Ricordati infatti che la prima cosa che dobbiamo fare prima di imparare a moltiplicare il nostro denaro è quella di difenderlo. Leggi di più infoInvestire in Azioni attraverso le Alleanze di Cervelli