Negoziazione: principi popolari di negoziazione!

http://www.tradingfurbo.net/negoziazione/negoziazione/

Negoziazione: ecco la definizione di Wikipedia!

Scrivo questo articolo per raccontarti come è nato il mio interesse per le tecniche di negoziazione e per raccontarti quale è il mio impegno sin da oggi per migliorare queste conoscenze e capacità.

Ti premetto che ognuno di noi ha negoziato almeno una volta nella sua vita e la negoziazione coinvolge ciascuno di noi continuamente.

Abbiamo incominciato a negoziare da neonati quando per avere un “goccio” di latte incominciavamo a piangere finchè la mamma non ci accontentava dandoci il biberon.

Continuiamo a negoziare in tantissime circostanze quando per esempio dobbiamo ristrutturare la mansarda e cerchiamo il miglior preventivo che ci consenta di fare un lavoro di qualità ad un prezzo il più vantaggioso possibile.

Il rapporto di negoziazione coinvolge almeno due parti: l’acquirente e il fornitore di un bene o servizio.

E’ chiaro che entrambi le parti si “batteranno” per spuntare delle condizioni migliori per se e per concludere la trattativa con la consapevolezza di aver fatto un buon affare.

La negoziazione ha molto a che fare con la vendita solo che a differenza della vendita, che contempla una serie di strategie e tecniche dedicate al venditore, la negoziazione riguarda anche il compratore.

Ciascuno di noi come cliente o acquirente potrebbe venire a conoscenza e utilizzare una serie di strategie e trucchi utili a concludere qualsiasi trattativa in maniera più proficua e questo riguarda anche trattative che non implicano necessariamente uno scambio di denaro.

Molto si può imparare con l’esperienza di tutti i giorni.

Per adesso mi limito a dirti che ho imparato una lezione fondamentale: ciascuna negoziazione non deve essere portata avanti abusando del nostro potere che può derivare da una posizione di forza, ma deve essere esercitato con l’obiettivo di rendere soddisfatto il cliente rispettando contemporaneamente i nostri interessi.

La negoziazione condotta con un ottica di breve periodo non paga: si cerca di spuntare un prezzo altamente vantaggioso a discapito della controparte ma non si tiene conto che in questo modo si mina la propria fama di negoziatore.

Saremo conosciuti nel tempo come un “bullo” che sfrutta la propria posizione di potere per concludere accordi in cui la controparte risulta sempre penalizzata.

Ti voglio raccontare la mia esperienza personale …

Sono stato in Grecia con mia moglie in viaggio di nozze: abbiamo imbarcato la moto con il traghetto ad Ancona e abbiamo prenotato solo i primi tre giorni nell’isola di Zante.

Dopo questi tre giorni siamo sbarcati in un paesino dell’isola di Cefalonia ma non avevamo di che dormire e siccome quel giorno pioveva a dirotto avevamo urgenza di cambiarci e farci una bella doccia, per giunta eravamo anche molto affamati.

Tutto questo ci spingeva ad adattarci alle richieste della padrona del primo affittacamere che abbiamo trovato.

Ti racconto bene come è andata: anche se abbiamo esordito specificando che il nostro badget era di 20 euro per una camera matrimoniale (la cifra richiesta per quel periodo era di 50 euro) la signora ci ha risposto che non riusciva ad accontentarci ma ci avrebbe messo a disposizione una piccola stanza per la cifra di 30 euro.

La nostra urgenza di accomodarci ci ha spinto ad accettare senza neanche visionare la camera (errore) che comunque anche se era un po’ fatiscente, era pulita e funzionale.

Da li in poi abbiamo perfezionato la nostra strategia negoziale riuscendo ad abbassare il prezzo richiesto addirittura del 78 per cento in un caso.

Da queste esperienze “on the road” ho appreso tante piccole lezioni che voglio condividere con te con una registrazione audio che ti metterò probabilmente a disposizione tra non molto nella sezione “Risorse Gratuite”.

Da queste piccole esperienze ho imparato che attraverso strategie che possono essere perfezionate e che io ho migliorato esperienza dopo esperienza, ognuno di noi può concludere accordi a condizioni più vantaggiose in tutti i campi della nostra vita.

Per questo è si è rafforzata in me la volontà di approfondire studiando libri e ascoltando registrazioni (dei maggiori esperti u.s.a. sulla negoziazione).

Sono convinto che presto grazie a queste nuove conoscenze e alla sperimentazione quotidiana sul campo, sarò in grado di proporti una bella opera con i più efficaci segreti nel campo della negoziazione.

Intanto sul tema ti suggerisco qualche titolo che ho trovato interessante:

La negoziazione;
L’arte della negoziazione: libro + cd;
L’arte e la scienza della Negoziazione;
Strateghi della Negoziazione;
Guida alle tecniche di negoziazione;

p.s.: utilizza pure la bacheca dei commenti che trovi qui sotto per esprimere la tua opinione su questo articolo
p.s.2: sentiti libero di condividere questo articolo con i tuoi amici interessati e nei Social Network più famosi (“Share The Wealth”);

8 opinioni riguardo a “Negoziazione: principi popolari di negoziazione!

  1. Un buon affare non è mai solo per uno ma per entrambi o comunque tutti i negoziatori. Un buon affare è solo l’inizio di una serie futura di buoni affari: è quel buon risultato, ottenuto nel breve, da cui nasce una buona relazione economica e sociale che si svilupperà nel lungo periodo.
    Ma bisogna che sia già all’inizio un buon affare, quindi è necessario che tutti ne traggano beneficio. Solo così scatta subito la motivazione immediata per porre in essere ulteriori buoni affari. In tal modo si sviluppa un rapporto di piena fiducia e si può diventare anche amici. E per sempre.
    Ciao Michele.

  2. Si è vero … e pensa che io me ne sono reso consapevole solo da pochi anni! Tanto devo ancora imparare sulla negoziazione ma sono sicuro che il mio entusiasmo e la mia voglia di comprendere appieno queste dinamiche mi faranno fare passi da Gigante in questo campo.

  3. Attendiamo con ansia il resoconto del viaggio di nozze.

    Io credo che i neonati non negozino il latte, lo pretendono e basta, non sono disposti a contrattare.

    Ad essere sinceri mia madre me ne dava sempre in abbondanza e non era possibile rifiutare o ridurre la porzione

  4. Gia' da piccolo mio padre mi portava, nel periodo estivo, per i mercati a vendere calzature e in quel periodo anni 80 si usava molto contrattare il prezzo di vendita, ricordo che i clienti dopo aver acquistato andavano via contenti e soprattutto soddisfatti per avere ottenuto il prezzo buono e io contentissimo di aver quadagnato dalla vendita, in poche parole voglio dire che era molto più bello quando ancora non c'era l'obbligo di esposizione del prezzo perché come ai giustamente detto tu, è nella nostra natura la negoziazione. Ciao Mimmo

  5. Ciao Mimmo, grazie per la tua testimonianza, credo che l'esposizione del prezzo non precluda la possibilità di negoziare e che si possa negoziare ampiamente anche con prezzo esposto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.